+24,5% nel I° semestre 2007 - ARAG Tutela Legale

17/10/2007 - Ufficio Stampa ARAG

Dati di bilancio

ARAG Italia cresce del 24,5% nel I° semestre 2007.

VERONA - Cresce e si consolida ARAG Italia, Compagnia italiana dell'omonimo Gruppo assicurativo tedesco specializzato nel ramo Tutela Legale. Il dato che emerge dalla relazione semestrale al 30 giugno 2007 - approvata dal Consiglio di Amministrazione di ARAG oggi a Duesseldorf - evidenzia un risultato positivo, al netto delle imposte, di 896 migliaia di euro.

L'analisi dell'andamento della gestione evidenzia, per quanto riguarda il Lavoro Diretto, una variazione positiva dei premi emessi rispetto al periodo precedente pari al 21,8%. E' stata valutata molto positiva anche l'evoluzione nel semestre del comparto Lavoro Indiretto, vale a dire tutta l'attività svolta con le 23 compagnie assicurative con le quali ARAG ha un accordo di collaborazione per la gestione del servizio di Tutela Legale. I rapporti già esistenti con queste compagnie si sono consolidati, così che l'incremento dei premi emessi relativi al Lavoro Indiretto, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, è pari al 26,3%.

Complessivamente la crescita si è attestata al 24,5% sullo stesso periodo dell'anno precedente, in uno scenario di mercato che vede il Ramo Tutela Legale aumentare intorno al 12%.

Sono cifre che testimoniano la sintonia di ARAG con i suoi Partner nella vendita e suggeriscono ancora una volta di continuare a cogliere le grandi opportunità che questo mercato riserva.

L'avv. Ole Neuhaus, Amministratore Delegato della Società, prevede che, sia per il Lavoro Diretto che per il Lavoro Indiretto, gli incrementi sopra evidenziati vengano confermati anche nel II° semestre 2007.

Il ramo Tutela Legale quindi, con l'importante contributo di ARAG continua a distinguersi come uno dei rami che crescono di più, per la sua capacità di interpretare i bisogni di un mercato che - anche per effetto di novità legislative sempre più numerose - è in forte evoluzione.

 

Nell'allegato: il testo completo del comunicato.

Allegati

Leggi tutte le news