2011: un anno di solida crescita e di redditività in linea con le attese

17/04/2012

di Andrea Andreta 

Il Consiglio di Amministrazione di ARAG Assicurazioni S.p.A. ha approvato il 23 marzo scorso il Progetto di Bilancio 2011, che verrà sottoposto il 27 aprile all'Assemblea degli Azionisti. I dati confermano che l'esercizio è stato caratterizzato, pur in un contesto economico difficile, da una robusta crescita dei premi associata ad una redditività in linea con le attese, e mi fa piacere condividere questo risultato con tutti i nostri intermediari, i nostri partner ed il nostro staff.

Gli obbiettivi raggiunti sono frutto di un ottimo lavoro di squadra, che ha consentito di mettere a fattor comune le diverse professionalità ed una approfondita conoscenza del mercato e dei clienti. Questa è una ulteriore conferma della cultura orientata alla partnership che, da sempre, caratterizza il DNA della Compagnia.

Il Combined Operating Ratio è sceso, al lordo della riassicurazione di Gruppo, al 99,4% ed è in linea con gli obiettivi del piano triennale. I premi emessi, al lordo della riassicurazione passiva di Gruppo, sono cresciuti del 5,1%, portando la raccolta premi complessiva della Compagnia a 95 milioni di euro. Credo sia importante ricordare come negli ultimi due esercizi la raccolta premi complessiva sia salita dai 75 milioni di euro di fine 2009 ai 95 milioni di fine 2011, con un contestuale rafforzamento della quota di mercato: si tratta di una crescita molto rapida, segno della capacità della Compagnia di servire clienti e intermediari. Tale crescita è da valutare in modo ancor più positivo in quanto associata ad un rafforzamento del capitale e delle riserve sinistri, ad una redditività complessiva superiore alle attese e ad un rafforzamento della Governance.

 Nel corso del 2011 abbiamo focalizzato la nostra attenzione sui migliori intermediari (la rete distributiva di ARAG conta 1.144 intermediari, tra agenti e broker), sullo sviluppo dei nostri partner e sul continuo aggiornamento dei prodotti. Inoltre abbiamo continuato ad investire nel miglioramento dei processi interni. Il focus è stato infatti indirizzato, oltre che sulla crescita redditizia, sul miglioramento dell'efficienza e della qualità del servizio. La produttività è complessivamente aumentata del 16,2% nell'ultimo periodo, mentre nella seconda metà del 2011 abbiamo posto le basi per significativi progressi nella capacità di fornire servizio alla clientela, sia in termini di rapidità che di efficacia. Molta attenzione, in particolare, è stata posta sui processi dei sinistri e sulla gestione del post vendita. La Divisione Tecnica Sinistri è stata riorganizzata per competenze specialistiche e questo cambiamento ha comportato una più efficace gestione dei picchi di lavoro ed una ulteriore crescita delle competenze, che faranno sentire pienamente i propri effetti in termini di qualità del servizio nel corso del 2012: oggi ARAG gestisce un portafoglio di ben 32 mila sinistri di Tutela legale con un team di 28 specialisti - su uno staff di 140 persone - e con un network selezionato di 270 avvocati.

Anche la formazione erogata, finalizzata a supportare intermediari e partner nello sviluppo di un business che presenta ampi margini di crescita - visti i livelli di sottoassicurazione presenti sul mercato italiano - ed un forte appeal sul cliente, ha registrato livelli record ed un forte gradimento da parte dei partecipanti: complessivamente sono stati formati dagli specialisti di ARAG più di 8000 addetti ai lavori. Ciò dimostra la capacità della Compagnia di supportare pienamente i propri intermediari e partner in qualsiasi circostanza, insieme all'unicità dell'offerta di servizi, prodotti e competenze.

Per quanto riguarda i prodotti, la Compagnia ha di recente confermato la copertura delle indennità del mediatore, nei  casi di mediazione obbligatoria, per tutto il portafoglio in essere e per tutti i prodotti in vendita. Nel corso del 2012 abbiamo in programma ulteriori sviluppi di prodotto, sempre con l'obiettivo di proporre coperture innovative alla nostra clientela. Continueremo inoltre ad investire nell'ambito Governance e dei meccanismi di Controllo, per garantire creazione di valore nel lungo termine e servire nuovi segmenti di mercato. Ho fiducia che, pur in un contesto economico difficile, ARAG continuerà la propria storia di successo, che spero possa essere condivisa con tutti voi.


Leggi tutte le news