Il committente deve vigilare sempre

20/11/2007

Argomenti: Sicurezza cantieri temporanei, Responsabilità committente del cantiere

 

Il decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494 (modificato dal decreto legislativo 19 nov. 1999, n. 528) recepisce la direttiva 92/57/CEE riguardante le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili. Questo decreto ha introdotto nel mondo delle costruzioni edilizie del nostro Paese una rinnovata attenzione alle tematiche relative alla sicurezza, pur non modificando la normativa vigente, in particolare quanto in vigore con il DPR 164/56. La normativa pone nuovi obblighi a carico del committente (soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata) e del responsabile dei lavori, ed introduce specifiche figure quali il coordinatore per la progettazione ed il coordinatore per l'esecuzione.

Quando l'immobile è di proprietà
Chi intende far eseguire lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria su immobili di sua proprietà, secondo la normativa vigente è ritenuto responsabile della sicurezza del cantiere, proprio per la sua qualità di committente.
Ne consegue la sua responsabilità personale, sia civile che penale, per ogni infortunio verificatosi durante i lavori all'immobile, anche per non osservanza delle norme inerenti alla sicurezza nei luoghi di lavoro da parte dell'impresa cui ha commissionato le opere appaltate.

Idoneità tecnica e professionale
Due sono le fondamentali regole di diligenza e prudenza, cui deve attenersi il committente in materia di appalto:
a) deve scegliere l'appaltatore, e più in generale, il soggetto cui affidare l'incarico, accertando che la persona alla quale si rivolge sia non solo munita dei titoli di idoneità prescritti dalla legge, ma anche della capacità tecnica e professionale, proporzionata al tipo astratto di attività commissionata ed alle concrete modalità di espletamento della stessa.
b) deve "non ingerirsi" nell'esecuzione dei lavori, riducendo l'autonomia dell'appaltatore.
Non è esonerato dagli obblighi antinfortunistici il committente che, pur avendo trasferito contrattualmente all'appaltatore l'onere delle misure di sicurezza e pur in presenza di un direttore dei lavori, abbia continuato di fatto a seguire l'andamento dei lavori e si sia, quindi, posto nella condizione di conoscere situazioni di pericolosità derivanti dalla condotta dell'appaltatore.


Leggi tutte le news