L'antenna è un diritto se non provoca danni

21/11/2007

Argomenti: Condominio - Installazione antenna - spazio condominiale 

 

Il professor Franchi è uno studioso di lingua e letteratura islamica e per seguire i programmi televisivi arabi si è fatto installare una potente antenna sul terrazzo condominiale. I lavori di messa a punto della parabola provocano, però, danni al tetto e il ragionier Girona, amministratore del condominio, sollecitato dai proprietari degli appartamenti all'ultimo piano, decide di rivolgersi ad un legale.

All'avvocato il ragioniere chiede se, attivando la polizza "Condominio Protetto", è legittimo pretendere che il professore rimuova le apparecchiature finite sotto accusa e risarcisca i danni provocati al tetto di proprietà comune. Il legale spiega che per legge (art. 232, 2° comma del d.p.r. 29 marzo 1973 n. 156) viene riconosciuto ad ogni proprietario, o inquilino, di unità immobiliari condominiali il diritto di "appoggiare" antenne televisive sui muri e sulle coperture dei fabbricati.

Si tratta, precisa sempre l'avvocato, di un diritto soggettivo perfetto e assoluto di natura personale, in base alla primaria libertà che la Costituzione garantisce all'informazione. Pertanto, in linea di massima, il Condominio non può opporsi all'esercizio di questa facoltà. Nessuna speranza, allora, di ottenere un risarcimento dei danni, domanda perplesso il ragioniere? Non è affatto detto, tranquillizza il legale: il diritto in questione trova un limite (ai sensi dell'art. 397 del d.p.r. 156/73) nel pari diritto di altro condomino; nel divieto di menomare in misura apprezzabile il diritto di proprietà (ovvero il diritto alla salute in relazione al fenomeno dell'irraggiamento magnetico) di colui che deve consentire l'installazione su parte del proprio immobile; nel divieto di arrecare pregiudizio apprezzabile e rilevante a una delle parti comuni.

Pertanto il professor Franchi poteva installare l'antenna, ma avendo danneggiato uno spazio condominiale è tenuto a riparare a sue spese il tetto. E se non provvederà al più presto, il Condominio potrà attivare la Polizza di TG e chiedere a un legale di citare in giudizio l'esperto di lingua islamica, poco esperto di diritto.

 

Condominio: assicurazione Condominio protetto


Leggi tutte le news