Pay TV - Recedere dal contratto a volte diventa difficoltoso

19/11/2007

Argomenti: Pay TV, Recedere dal contratto, Disdetta abbonamento

 

Marina ed Elio, una coppia con la passione del grande schermo, allettati dalle numerose offerte commerciali presenti nel periodo estivo, decidono di sottoscrivere un abbonamento con una nota Pay TV con l'intenzione di poter trascorrere delle tranquille serate invernali in casa senza rinunciare al sano piacere della visione di un bel film. Per un paio d'anni sfruttano con entusiasmo le opportunità offerte dal gestore Pay Tv anche perché oltre ai film, Elio segue spesso in tempo reale le imprese della propria squadra del cuore. Col passare del tempo la situazione cambia, Elio deve trasferirsi all'estero per impegni di lavoro e Marina si rende conto di essere sempre meno interessata ai programmi TV; decidono così di disdettare, entro i termini previsti dal contratto e con regolare raccomandata, l'abbonamento sottoscritto a suo tempo, chiedendo anche informazioni circa la restituzione del decoder (il negozio dove anni prima avevano acquistato l'apparecchio ha cessato l'attività) e su come riavere il deposito cauzionale.

Non ricevendo alcun riscontro, spediscono un'altra lettera dai toni più decisi. Ma l'unica risposta che ricevono riguarda nuove offerte commerciali per ripristinare l'abbonamento; una di queste, addirittura, riporta un presunto benestare al proseguimento del rapporto contrattuale. Indispettita, Marina cerca di contattare il numero verde ma si trova a dover affrontare solo lunghe attese in compagnia di uno snervante "motivetto" musicale.

Elio, ormai al limite della pazienza, decide di inviare l'ennesima comunicazione scritta al gestore Pay TV per ricevere conferma della disdetta, ma come risposta riceve un nuovo contratto da sottoscrivere.

Arrivati a questo punto, esasperati dalla situazione, i coniugi decidono di intervenire attivando la polizza Famiglia Protetta stipulata a suo tempo da Marina con ARAG.
Incaricano così un avvocato di fiducia, che provvederà a tutelare i loro diritti, senza la preoccupazione di dover sopportare alcuna spesa in quanto tutti i costi relativi alla vertenza contrattuale verranno sostenuti dalla Compagnia.

Luca Massagrande

Pay TV e problemi disdetta abbonamento: polizza Famiglia protetta


Leggi tutte le news