Polizza Famiglia Protetta - perchè piace ai nostri Clienti

21/11/2007

Argomenti: Polizza Famiglia Protetta, Copertura Famiglia, Copertura Legale Famiglia, Polizza di Tutela Legale Famiglia

La risposta è molto semplice: perché rappresenta la copertura per la famiglia per eccellenza; perché offre una serie di garanzie che permettono di vivere in tranquillità a casa, sul lavoro, negli spostamenti in auto. E' una polizza (Polizza Famiglia Protetta) che si stipula oggi e non ci si pensa più; non è necessario comunicare le variazioni dei mezzi assicurati, né preoccuparsi di aggiornare il numero dei componenti del nucleo familiare. Inoltre offre sicurezza, in quanto permette di rivendicare torti e danni subiti, senza preoccuparsi dei costi delle relative azioni legali. Non a caso, nella maggior parte delle denunce che arrivano ad ARAG viene richiesta proprio l'attivazione della garanzia "contrattuale vita privata". Gli esempi sono tanti. A chi non è mai successo di avere qualche problema perché l'elettrodomestico non funziona a dovere e la garanzia sembra non attivabile?
O di aver prenotato in anticipo e pagato per intero una vacanza, che poi risulta assai diversa da quanto il catalogo prometteva?
Per non parlare di occasioni importanti, come un anniversario o un pranzo di nozze, la cui riuscita viene compromessa da un'organizzazione ben al di sotto di quanto millantava. L'elenco sarebbe lunghissimo ma una cosa è certa: le famiglie italiane sempre più preferiscono rivolgersi a chi della soluzione delle controversie ne ha fatto un mestiere, ed è in grado di sostenerne i costi. L'altro punto di forza della polizza è rappresentato dalla copertura completa per la circolazione stradale; anche un piccolo incidente subito dal nostro assicurato dà la possibilità di attivare la polizza e dimostrare al cliente che un servizio professionale è alla portata di tutti.
Come le ultime indagini di mercato hanno dimostrato, se una famiglia conoscesse l'esistenza di questi prodotti assicurativi li comprerebbe senz'altro. Perché, dunque, non conquistare questi "spazi aperti"?

Francesca Breda


Leggi tutte le news