Sentenze in breve

10/12/2009

Argomenti: Circolazione Stradale, Amministratore Condominiale

Qual'è la responsabilità della compagnia aerea nel caso di cancellazione del volo?

I problemi tecnici che riguardano l'aereo sollevano la compagnia aerea dagli obblighi di risarcimento previsti dal Regolamento Ce n.261/04 per l'ipotesi di cancellazione del volo, solo quando il vettore dimostri che i guasti derivano da eventi che, per natura od origine, esulano dal normale esercizio della propria attività, sfuggono alla propria sfera di controllo e non sono altrimenti rimediabili senza incorrere in sforzi irragionevoli. (Corte di giustizia Ce, sentenza del 22.12.2008, n. C-549/07)

Pubblicità ingannevole e sigarette light

L'apposizione, sulla confezione di un prodotto, di un messaggio pubblicitario considerato ingannevole (la scritta light sul pacchetto di sigarette) può essere considerato come fatto che produce un danno ingiusto, obbligando colui che l'ha commesso al risarcimento indipendentemente dall'esistenza di una specifica disposizione di legge che vieti l'espressione utilizzata. (Cassazione civile sentenza n. 794/2009)

Circolazione targhe alterne

Non possono essere comminate sanzioni agli automobilisti quando circolano in una città diversa dalla propria se non rispettano il divieto delle targhe alterne nel caso in cui non sono esposti gli appositi cartelli. Le disposizioni preclusive della circolazione in una città, in determinati giorni e in determinate zone, sono infatti da considerarsi eccezionali rispetto alla normativa generale del Codice della strada, (la cui conoscenza è obbligatoria per tutti gli utenti della strada) pertanto si ritiene che l'ente proprietario della strada debba dimostrare la responsabilità del contravventore dopo aver adottato tutte le possibili ed esaustive misure d'informazione cosi che qualunque utente (qualsiasi ne sia la provenienza), non possa asserire di non conoscere la disposizione. (Cassazione civile sentenza n. 15769/2009)

Responsabilità penale dell'amministratore di condominio per condotta omissiva

L'amministratore di condominio è penalmente responsabile in tutti quei casi in cui non si attivi per rimuovere le situazioni di pericolo che possono derivare dalla rovina di parti comuni dello stabile e che gravano sull'incolumità del condominio e degli inquilini, purché la sua condotta omissiva sia stata condizione determinante dell'evento lesivo. (Cassazione penale sentenza del 13.10.2009 n. 39959)

Guida del motociclo in stato di ebbrezza

è applicabile l'istituto della continuazione tra i reati, relativamente a due fatti di guida in stato di ebbrezza commessi a distanza di un anno l'uno dall'altro, stanti le medesime circostanze di fatto, la violazione della medesima disposizione di legge e il ristretto lasso di tempo intercorso tra i fatti-reato. In forza di tale principio, si applica un'unica pena, anche per quanto concerne la sanzione accessoria della sospensione della patente. (Tribunale Forlì, sentenza del 21.07.2009)

Divieto di fumo e responsabilità dei gestori dei locali pubblici

I titolari dei locali pubblici non sono tenuti a vigilare sull'osservanza e sul rispetto della normativa in materia di divieto antifumo. Tale dovere non può essere imposto, come avvenuto con circolare del Ministero della salute, con disposizione regolamentare. Occorre infatti una specifica norma per imporre un dovere di vigilanza in tal senso nei confronti dei soggetti responsabili. (Consiglio di Stato , sez. V, decisione 07.10.2009 n. 616)

 

Argomenti trattati:

Circolazione Stradale Protetta

Patente Protetta

Polizza Condominio Protetto


Leggi tutte le news