Sentenze in breve

27/04/2009

Argomenti: Controversie Circolazione Stradale, Sentenze controversie, Controversie e tutela dei consumatori

 


CIRCOLAZIONE STRADALE

Cellulare alla guida

L'uso del cellulare mentre si è alla guida di un veicolo, per la ricerca di un numero telefonico nella rubrica o per qualsiasi altra operazione consentita dall'apparecchio stesso, determina una distrazione per il conducente e quindi un pericolo per la circolazione, sanzionabile ai sensi degli articoli 140 e 173 del Codice della Strada (Cassazione - n. 20505/08).

Se il trasportato è proprietario del veicolo

Il trasportato ha diritto di ottenere il risarcimento integrale dei danni derivanti da incidente stradale nei confronti del terzo e del conducente del veicolo in cui viaggia. Nel caso tuttavia in cui il trasportato sia anche il proprietario di uno dei veicoli coinvolti, in quanto co-responsabile del danno prodotto dal conducente, il suo diritto al risarcimento è ridotto nella misura del concorso di colpa del conducente del suo veicolo (Cassazione - n. 28062/08).

Incidente stradale e danni al veicolo

La responsabilità in caso di danni al veicolo avvenuti in un'area sulla quale si trova un cantiere, rimane a carico dell'ente titolare della strada se l'area in questione risulta comunque adibita al traffico. Alla responsabilità dell'ente si affiancherà naturalmente la responsabilità dell'appaltatore (Cassazione - n. 12425/08).

Accertamento dello stato di ebbrezza

La possibilità per il giudice di avvalersi delle sole circostanze sintomatiche (alterazione nella deambulazione, difficoltà di movimento, eloquio sconnesso, alito vinoso, ecc.) ai fini dell'accertamento dello stato di ebbrezza, può riservarsi alla sola fattispecie meno grave (tasso alcolemico non superiore a 0,8 g. per litro). Per le ipotesi più gravi è richiesto invece l'accertamento tecnico del livello effettivo di alcool (Cassazione- n. 43313/08).

Efficacia della sentenza per la compagnia

La sentenza emessa nei confronti del conducente o del proprietario del veicolo investitore convenuti in giudizio senza la partecipazione, neppure successiva, della compagnia di assicurazione, è efficace anche nei confronti di quest'ultima (Cassazione - n. 15462/08).

TUTELA DEI CONSUMATORI

Condizioni del mare e risarcimento del danno

Sebbene la fruizione del mare e della spiaggia non possa essere considerata in senso stretto un servizio turistico, ne può tuttavia costituire il presupposto di utilità. Quindi nell'ipotesi in cui le condizioni del mare risultino compromesse (nel caso preso in esame, lo scarico abusivo di una petroliera), vi è l'obbligo di predisporre adeguate soluzioni alternative oppure di procedere al rimborso del prezzo delle strutture turistiche (Cassazione -n. 10651/08).

Informazioni al consumatore

Chi fornisce un servizio deve sempre mettere a disposizione i mezzi idonei a garantire una comunicazione rapida ed efficace e consentire al consumatore di poter scegliere quale utilizzare. Pertanto si deve sempre prevedere un mezzo non elettronico per il caso in cui il cliente non sia in grado di avvalersi di Internet (Corte di Giustizia delle Comunità Europee - n. 16.10.08).

 

Argomenti correlati: risoluzione controversie Circolazione Stradale
 


Leggi tutte le news