Servizi consolari all'estero

19/11/2007

Sono milioni gli italiani che ogni anno si recano all'estero per turismo. Accade che spesso si trovino ad affrontare situazioni che non possono risolvere da soli. Il compito principale degli uffici consolari italiani è quello di assistere le collettività italiane che risiedono all'estero. Inoltre tali uffici hanno il compito, entro certi limiti (rispetto delle leggi locali), di consigliare ed assistere gli italiani che viaggiando all'estero si possono trovare in difficoltà.

Cosa può fare un addetto consolare:

  • Sostituire il passaporto, in caso di smarrimento, con un foglio di viaggio valido unicamente per il rientro in Italia, sulla base di una denuncia alla polizia del luogo.
  • Favorire i contatti in patria con parenti o persone di fiducia in caso di perdita di denaro, di catastrofi naturali, di atti terroristici ecc. Dall'Ufficio consolare sono pertanto possibili telefonate a carico del destinatario.
  • Erogare un prestito in denaro liquido, per una quantità minima utile a far fronte alle prime spese, con obbligo di restituzione all'erario.
  • Fornire assistenza in caso di problemi con le autorità locali.
  • Segnalare, su richiesta degli interessati, il nominativo di un legale favorevolmente noto; lo stesso dicasi per medici ed interpreti.
  • Informare i congiunti, in caso di morte accidentale del cittadino in viaggio, e prestare loro ogni opportuna assistenza nelle formalità del caso.

Nei paesi in cui non esistono uffici consolari italiani, il turista italiano può rivolgersi ad una qualsiasi delle rappresentanze diplomatico-consolari dell'Unione Europea.

Gli uffici consolari italiani non possono:

  • Emettere patenti di guida o altri documenti personali.
  • Pagare conti d'albergo in sospeso.
  • Finanziare il proseguimento del viaggio vacanza in caso di perdita di denaro.
  • Intervenire nel corso di un procedimento giudiziario, imporre un comportamento alle autorità locali, esercitare pressioni su queste ultime.
  • Incaricarsi di questioni legali o rappresentare connazionali in tribunale.
  • Fungere da filiali di agenzie di viaggio, casse malattia o banche.
  • Sostenere costi di interventi chirurgici, costosi check-up o di operazioni di salvataggio.

Luca Massagrande


Leggi tutte le news