Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti

31/05/2015

La sensazione che le piccole, ma anche le medie imprese italiane, siano nel complesso sottoassicurate, e quindi esposte rispetto ai rischi normalmente assicurabili, è stata confermata con dati oggettivi da una ricerca pubblicata da ANIA (Rilevazione sul grado di copertura assicurativa delle PMI anno 2012) sulla base di dati provenienti da circa il 50% delle compagnie assicurative operanti nel settore corporate.

I dati ISTAT utilizzati nella ricerca indicano che, su circa 6 milioni di PMI censite, l'80% ha un numero di addetti uguale o inferiore alle 5 unità (si tratta di circa 4,8 milioni di PMI). Quelle rilevate come assicurate con almeno una garanzia assicurativa, in qualsiasi ramo, sono circa 500.000.

Quindi, se consideriamo solo le imprese con un numero di addetti uguale o inferiore a 5, possiamo supporre che le microimprese con almeno una copertura assicurativa rappresentino il 10% di tale campione. Se poi andiamo a verificare il grado di copertura assicurativa per ramo, emerge che su 500.000 imprese che hanno una copertura, solo il 7%, e cioè 35.000 di esse, ha una polizza di Tutela legale.

Partendo da tali dati, nel corso del 2014 siamo andati ad effettuare un'analisi sul nostro portafoglio ed è emerso che le polizze di Tutela legale sono distribuite, in termini di pezzi, per un 37% su aziende fino a 5 addetti e per un 63% su aziende con più di 5 addetti. Questa ripartizione ci è parsa subito in decisa controtendenza rispetto al dato generale ricavato da ISTAT, dal quale emerge che, come abbiamo visto sopra, le microimprese rappresentano più dell'80% del totale. Pertanto, da questa rilevazione siamo partiti per costruire un prodotto ed una tariffa che potessero intercettare il target delle microimprese, e quindi delle ditte individuali, delle imprese famigliari e delle società in genere con un numero di addetti uguale o inferiore a 5 unità. Il prodotto è stato strutturato in moduli ed offre un ventaglio di garanzie rivolte non solo alla tutela dell'azienda ma anche dello stesso imprenditore nella sua vita privata, con la possibilità di includere aree di assicurabilità quali la circolazione stradale dei veicoli aziendali ed alcune casistiche legate al mondo del web.

Anche la tariffa del prodotto è stata studiata in modo tale da poter offrire alla microimpresa la più adeguata soluzione assicurativa, a condizioni economiche particolarmente contenute.

L'archivio documenti

Con il prodotto ARAG Impresa Under 5 gli assicurati possono usufruire di un servizio innovativo e gratuito: l'archivio documenti. Si tratta di un portale web, accessibile dal contraente di polizza tramite l'Area Privata del sito www.arag.it in cui poter leggere e scaricare liberamente oltre 40 modelli di documenti di vario tipo (es.: contratto di subfornitura, lettera di licenziamento per giusta causa, lettera di contestazione del servizio di erogazione della linea ADSL), raggruppati per categorie omogenee (es.: Clienti/Fornitori, Lavoro) e utili sia per l'attività imprenditoriale sia per la vita privata del contraente.

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Werner Nicoll, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.