Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

15/01/2018


La stagione invernale richiede più attenzione quando ci mettiamo alla guida di un auto, in particolar modo in presenza di ghiaccio e neve, che per molte persone rappresentano un vero incubo.

Con l’obiettivo di aumentare la sicurezza sulle strade e diminuire il rischio di incidenti, la Direttiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, introdotta nel 2013 in tema di circolazione in periodo invernale, stabilisce l’obbligo, salvo eccezioni, di circolare con pneumatici invernali o con catene a bordo nel periodo dal 15 novembre al 15 aprile.
Il mercato di pneumatici ha proposto sempre più modelli di gomme, che prevedono impieghi diversi: dalle invernali alle quattro stagioni, dalle chiodate a quelle specifiche per la pioggia.

Quali sono le caratteristiche delle gomme termiche da conoscere per guidare in sicurezza in inverno ed evitare multe?

• gli pneumatici invernali, comunemente chiamati anche gomme termiche, si contraddistinguono per avere la marcatura sul fianco “M+S”, ossia Mud+Snow che tradotto significa Fango+Neve, spesso accompagnato anche dal simbolo 3PMSF (3 Peak Mountain Snow Flake) che rappresenta una montagna stilizzata con un fiocco di neve al suo interno.
• i tipi di gomme con il solo marchio “M+S” risultano a norma di legge, ma non certificano nessun livello minimo di aderenza misurata su neve poiché non sono stati sottoposti a nessun test.
• le gomme termiche con anche 3PMSF hanno invece superato il test di omologazione previsto dal Regolamento Europeo UN ECE 117 che certifica il superamento di una soglia minima di aderenza sulla neve.
• gli pneumatici invernali, a differenza di quelli estivi, sono composti da una gomma che si mantiene più elastica a basse temperature, consentendo prestazioni di guida ottimali.
• il codice della strada non vieta la circolazione con gomme termiche durante tutto il periodo dell’anno, ma viene sconsigliato questo utilizzo, poiché con clima mite o caldo i pneumatici estivi consentono prestazioni di sicurezza migliori sia sull'asciutto che sul bagnato, e rispetto alle gomme invernali riducono la distanza di frenata a parità di temperatura.

Gomme invernali tutto l'anno: attenzione alla velocità

Ogni pneumatico accanto alla scritta che identifica la sua misura, riporta anche l'indice di velocità, che viene indicato con una o due lettere maiuscole.

Se nel periodo previsto dalla legge è obbligatorio equipaggiare la propria auto con gomme invernali, in estate non è obbligatorio montare gomme estive. La normativa, infatti, consente di circolare con gomme invernali anche d’estate, a condizione che l’indice di velocità delle stesse sia pari o superiore a quello indicato sul libretto di circolazione del veicolo.
Per circolare in inverno invece, le gomme invernali possono avere anche un indice di velocità inferiore rispetto a quanto riportato sul libretto di circolazione, a patto che tale indice non sia inferiore a Q (fino a 160 km/h).

Quando sono necessarie le catene ?

Secondo la normativa del codice della strada, le catene da neve a bordo dell’auto sono considerate alternativa valida per rispettare la legge e si utilizzano all'occorrenza, in caso di strade innevate. Si tratta di una soluzione decisamente più economica, visto che il prezzo delle catene va da circa €30 fino a €150, ma presenta alcuni svantaggi:
• non sono utilizzabili in caso di pioggia o ghiaccio
• su alcuni autoveicoli non è possibile né previsto il loro montaggio
• devono essere compatibili con il modello di gomme che monta l’auto
• il montaggio non è agevole per tutti

Premesso che sono un accessorio indispensabile per chi abita in montagna, è facile dedurre che le catene da neve a bordo sono la soluzione adatta per chi percorre distanze brevi, in quanto meno esposto ai rischi della guida rispetto chi abitualmente fa molti chilometri.

Quello che non tutti sanno quando si affronta l’acquisto delle catene da neve, è che per essere in regola con le normative del codice della strada italiano, ma anche per la legge in diversi paesi europei, bisogna che queste siano omologate : deve essere presente uno dei simboli UNI 11313 o ON V5117 o ON V5119 sia sulla confezione, sia riportato in modo indelebile sulle catene stesse.

Multe e sanzioni per chi non ha gomme termiche o catene da neve a bordo

In caso di controlli, le Forze dell’Ordine, possono applicare multe di diverso importo che variano anche a seconda che ci si trovi nei centri urbani o meno.
Le sanzioni amministrative partono da €41 per i centri abitati, e minimo €85 fuori dai centri abitati (come previsto rispettivamente dall’art. 7 commi 1 lett. a) del Codice della Strada per i centri abitati, e dall’art. 6 commi 4 lett. e) del Codice della Strada fuori dai centri abitati).
In caso di accertamento di queste violazioni, viene intimato al conducente, ai sensi dell’articolo 192 commi 3 e 6, di fermarsi oppure di proseguire solo dopo aver dotato l’auto di mezzi antisdrucciolevoli. Quando non viene rispettato l’ordine, è prevista una multa di €85 e la decurtazione di 3 punti dalla patente di giuda.

Leggi anche l’articolo sulla patente a punti per conoscere quali sono i comportamenti alla guida più gravi che portano alla decurtazione di punti e o sospensione della patente.

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Werner Nicoll, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.