Difesa dei propri diritti

19/11/2007

Breve storia e finalità dell'assicurazione delle spese legali

L'assicurazione delle spese legali nasce e si sviluppa al fine di consentire ad ogni cittadino la protezione dei propri diritti garantendogli la possibilità di accedere alla migliore difesa legale possibile.

L'esigenza di promuovere una civile convivenza fra le persone è strettamente legata alla necessità di disciplinare, attraverso norme e regolamenti, numerosi atti che riguardano le più varie attività sia in campo economico che familiare. Si pensi alla disciplina della vendita dei beni mobili ed immobili, alla costituzione di società, alle disposizioni che regolano i vari contratti oppure alle norme sulla successione e quelle relative alla disciplina dei rapporti familiari. In questa ottica il sistema d'accesso alla giustizia deve essere alla portata di tutti, poiché il diritto alla difesa delle proprie ragioni concretizza un'esigenza di carattere etico e morale universalmente riconosciuta.

L'assicurazione di tutela giudiziaria risponde pienamente sia a questa esigenza di carattere sociale che alla finalità dell'ordinamento relativa alla promozione del principio di uguaglianza, come è previsto dall'artico-lo 3 della Costituzione. Esso recita "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali. E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana".

E' pacifico che la possibilità di difendere i propri diritti facendo uso degli strumenti istituzionalmente previsti, è l'unica alternativa al fine di contenere il disordine sociale che l'assenza di regole o la loro impraticabilità avrebbe quale diretta conseguenza.

Di fatto la possibilità di avvalersi degli strumenti giuridici più adatti alla tutela delle proprie ragioni non è sempre uguale per tutti, tenuto conto dei diversi livelli sia culturali che economici dei cittadini, i quali spesso pongono in essere autentiche forme di disparità sociale.

Il fine del perseguimento di una "giustizia giusta" che non solo garantisca a parole l'uguaglianza fra le persone ma che provveda anche a "rimuovere gli ostacoli di ordine sociale ed economico", consentendo la possibilità ad ognuno di difendere i propri diritti in modo lecito, è quindi uno degli obiettivi primari di qualunque ordinamento sociale democratico.

Le prime forme di assistenza legale vengono ravvisate nelle iniziative attuate in Francia a cavallo del XIX e XX secolo a beneficio dei medici per la riscossione degli onorari e per la loro difesa quando fossero chiamati in giudizio per responsabilità professionali. Altri tentativi di breve durata si ebbero sempre in Francia con una "Garantie des Droits en Giustice" (Nantes 1904/1928) ed in Germania con la "Versicherungsverein der Haus und Grundbesitzer" creata a difesa dei diritti dei proprietari immobiliari a fronte dei danni provocati dalle attività minerarie.
Solo nel 1917, ad opera della società mutua "Defénse Automobile et Sportive", viene elaborata la prima forma di assistenza assicurativa delle spese legali per tutelare i soci coinvolti nei primi incidenti dovuti all'uso dell'automobile nelle attività sportive.

Oggi la diffusione della Tutela Giudiziaria si estende alle esigenze di protezione legale connesse alle vicende della vita familiare, professionale ed imprenditoriale.

La Tutela Giudiziaria in Italia

L'assicurazione delle spese legali, presente sul mercato italiano sin dal 1935, viene ufficializzata nell'ordinamento con la legge 295/78 che istituisce il ramo 17 - Tutela Giudiziaria - e trova oggi la sua fonte normativa agli art. 44 e ss. del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995.

Le caratteristiche più importanti della legge, a favore degli assicurati, sono:

  • la libera scelta del legale;
  • la facoltà di adire le vie giudiziarie o di promuovere un arbitrato nel caso di disaccordo tra l'assicurato e l'impresa sulla gestione del sinistro;
  • precise garanzie al fine di evitare il conflitto di interessi fra compagnie assicuratrici nella gestione dei sinistri.

Olivia Flaim


Leggi tutte le news