Nuovi obblighi per gli agenti - Almeno 30 ore di formazione l'anno

25/06/2007

Argomenti: Agenti assicurativi, Attività di intermediazione assicurativa, Formazione professionale agenti

 

Noi di ARAG abbiamo sempre considerato la formazione come un momento fondamentale per la crescita professionale dell'agente, dei suoi collaboratori e, di conseguenza, per lo sviluppo economico delle agenzie.

Con l'entrata in vigore del regolamento n. 5 del 16/10/06 del Codice delle assicurazioni (cfr l'art. 38), la formazione non è più considerata soltanto utile ma diventa obbligatoria per tutti gli agenti, i sub agenti e il personale di agenzia che ha contatti con il cliente finale. Il legislatore ha voluto intendere per "formazione" l'imparare nozioni nuove (ad esempio nuovi prodotti) o semplicemente aggiornarsi.

Il regolamento, proprio con l'art. 38, obbliga l'agente ad effettuare almeno 30 ore di formazione l'anno, di cui al massimo 15 ore possono derivare dall'autoformazione on line. Naturalmente, se un agente rappresenta più compagnie le 30 ore sono comunque complessive. Vengono introdotti inoltre i concetti di "verifica" dell'apprendimento e "certificazione della formazione". Verifica dell'apprendimento significa che al termine delle sessioni formative (in aula, on line, presso l'agenzia o presso le scuole accreditate) ci sono dei questionari, dei test di verifica da compilare. Potranno ricordare i compiti in classe ma rappresentano comunque un buon metodo per accertare l'avvenuto aggiornamento professionale.

La certificazione della formazione, invece, riguarda sia le compagnie sia gli agenti. Le prime (o i docenti qualificati che hanno impartito i corsi), dopo il questionario di verifica rilasceranno all'agente un attestato nel quale sono riportati il numero di ore seguite, gli argomenti trattati, i nominativi dei docenti e l'esito positivo del test finale (di norma non vengono considerati sufficienti i questionari con meno del 70% di risposte esatte).

Gli agenti devono conservare tutte le certificazioni che ricevono: saranno proprio loro, infatti, ad autocertificare alle compagnie che rappresentano l'avvenuta formazione per almeno 30 ore. Le compagnie sono tenute a richiedere e a ricevere questa documentazione entro la fine di ogni anno solare, per poi trasmettere all'organo di vigilanza la relazione annuale sulla formazione.

Attenzione, perché un agente che non certificherà di aver sostenuto almeno 30 ore di formazione professionale non avrà più i requisiti per poter svolgere l'attività di intermediazione assicurativa.

Francesca Breda


Leggi tutte le news