Recensioni

11/12/2009

Argomenti: Tutela Legale

 

Commentario al Codice delle Assicurazioni-Rca e Tutela legale

A cura di Giorgio Gallone

(Casa Editrice La Tribuna, 2009)

 

Nel corso del 2009 è stata pubblicata la seconda edizione del Commentario al Codice delle Assicurazioni-Rca e Tutela legale: nel novero di molti autorevoli studiosi, il commento agli articoli che il Codice delle assicurazioni dedica alla Tutela legale è stato affidato a Giovanni Bernardi, Nicola Bragantini e Pierachille Zinelli della Divisione tecnica legale di ARAG.

L'iniziativa editoriale, sulla quale vale la pena ritornare, presenta una delle più complete analisi dedicate al Ramo 17: si parte infatti da un ampio e dettagliato resoconto storico (dalle prime esperienze risalenti al feudalesimo), per arrivare alla contrastata diffusione (la Tutela legale è tradizionalmente definita controassicurazione ndr), alla normativa comunitaria e al conseguente recepimento nel nostro ordinamento. Sempre nell'ottica di una ricostruzione sistematica, si trovano le risposte al perché di alcune curiose limitazioni, come quelle che escludono dall'operatività delle norme in esame le polizze destinate alle controversie derivanti dall'utilizzazione di navi marittime. Trattando compiutamente dell'attività svolta dalle compagnie attive sul mercato vengono poi descritte le tre opzioni attraverso le quali possono essere gestiti i sinistri di Tutela legale e viene così affrontato con dovizia di riferimenti il tema nodale del conflitto di interessi, cui è sostanzialmente dedicato l'intero articolo 164 del Codice delle assicurazioni. Un lungo excursus di carattere giuridico spiega come sono state superate in giurisprudenza e dottrina alcune anacronistiche tesi che negavano la natura assicurativa del contratto destinato a rimborsare le spese legali e peritali, e addirittura ne mettevano in discussione la legittimità.

Particolare attenzione è stata dedicata a un tema generalmente poco considerato: quello riferito al ruolo sociale della Tutela legale che mette in evidenza alcuni effetti generali poco considerati nell'attività quotidiana di vendita e gestione di queste coperture; primo fra tutti, la possibilità di accesso alla Giustizia anche per i meno abbienti: al di là dei rigidi limiti che regolano l'accesso al gratuito patrocinio in sede penale, civile, amministrativa e in tutti gli altri casi previsti dalla legge, la Tutela legale è infatti uno dei pochi strumenti che può garantire un'effettiva tutela degli interessi della parte più debole e costituire così mezzo di parificazione delle opportunità di difesa tra soggetti dalle potenzialità economiche diseguali. Dedicati soprattutto agli operatori del settore sono invece i capitoli che trattano alcuni concetti cardine del Ramo, quali quelli di controversia, rischio, insorgenza, accessorietà, o che presentano una panoramica completa degli ambiti di operatività delle diverse garanzie di Tutela legale.

Per concludere, in un momento di rinata attenzione, anche dal punto di vista dottrinale, per la Tutela legale, il testo costituisce una delle trattazioni più autorevoli e complete sul Ramo che vale la pena conservare nella propria libreria.

 

L'utilizzo delle tecnologie avanzate nel settore assicurativo: l'e-insurance

A cura di Antonio Coviello

(Giappichelli Editore, 2009)

 

Negli ultimi anni la velocità del cambiamento del settore assicurativo è aumentata notevolmente grazie a molti fattori, tra i quali la liberalizzazione, la maggiore competizione, la comparsa di nuovi concorrenti, il consumerismo e lo sviluppo delle nuove tecnologie dellÂ’ informazione. Tale cambiamento ha obbligato le imprese assicuratrici a rivedere le proprie strategie di marketing per non perdere quote di mercato a favore di nuovi e più evoluti concorrenti. Il volume del professor Coviello mira ad analizzare come e perché le compagnie assicurative si rapportano a tale evoluzione.

Il testo è arricchito dai contributi-testimonianze di importanti operatori del settore, tra cui Giuseppe Buoro (già presidente Generali Vita e CdA Alleanza), Fabio Cerchiai (presidente Ania), Carmine d'Antonio (Isvap), Emanuele Marsiglia (vice direttore generale Unipol), Vincenzo Mungari (presidente Inail), Paolo Panarelli (direttore generale Consap), Francesco Paparella (presidente Aiba), Maurizio Pellicano (direttore generale Bnl Vita).


Leggi tutte le news