Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

04/09/2020

Vista la crescente importanza dell’animale domestico, diventato come un membro della famiglia nella vita di molti di noi, può essere utile sapere se vi siano dei luoghi dove l’accesso sia interdetto oppure permesso solo con particolari modalità.

La normativa in materia, con il concorso di diverse autorità sul tema, risulta estremamente frammentaria.

 

Molto è lasciato alla determinazione dei singoli comuni che, tuttavia, disciplinano la materia in maniera tendenzialmente uniforme.

ARAG Tutela Legale Famiglia

La tua famiglia è la cosa più importante che hai: proteggila da ogni imprevisto.

Le principali limitazioni

La normativa tende a limitare l’accesso degli animali di affezione ai luoghi in cui sono presenti cibi e bevande, al fine di evitare potenziali contaminazioni.

Il Regolamento CE n. 852/2004 all’allegato II, capitolo IX, punto 4 stabilisce la necessità di “predisporre procedure adeguate per controllare gli animali infestanti e per impedire agli animali domestici di accedere ai luoghi dove gli alimenti sono preparati, trattati o conservati”.

Tale indicazione è stata recepita dal Ministero della Salute che, con nota n.11359 del 27.03.2017, ha stabilito il divieto per gli animali domestici di avere accesso nei luoghi destinati alla vendita al dettaglio di alimenti.
L’accesso degli animali in questi luoghi è ipotizzabile solo qualora l’animale non si trovi mai nei locali dove gli alimenti sono preparati, trattati o conservati o qualora questo sosti in locali appositamente predisposti all’interno dell’esercizio oppure all’esterno.

 

L'accesso ai luoghi pubblici

Il generale accesso ai luoghi pubblici dell’animale domestico – normalmente disciplinato da regolamenti comunali – è tendenzialmente permesso, seppur con alcune indicazioni.

Un esempio in tal senso è la nuova versione del Regolamento per il Benessere e la Tutela degli Animali approvata nei primi mesi di quest’anno dal Comune di Milano, che dedica al tema il proprio capitolo IV.

È permesso in linea generale l’ingresso di animali d’affezione, purché non di specie selvatica, nelle pubbliche vie, nei luoghi aperti al pubblico e nei locali pubblici.

I cani devono essere sempre condotti al guinzaglio

Il detentore deve sempre portare con sé una museruola, da utilizzare in caso di bisogno

I gatti devono essere custoditi all’interno di appositi contenitori per il trasporto

 

L’accesso degli animali è permesso, sotto il controllo del proprietario e del detentore, anche sui taxi e sui mezzi di trasporto pubblico.

Nel caso in cui sussistano le condizioni per vietare l’accesso agli animali nei luoghi pubblici o aperti al pubblico, il responsabile della struttura deve esporre un apposito cartello in posizione visibile all’ingresso e presentare una comunicazione scritta all’Ufficio Tutela Animali.

Da tali eventuali divieti restano comunque esclusi i cani di supporto a persone disabili, quelli delle Forze dell’Ordine e della Protezione Civile.

Una disciplina similare si rinviene, mutatis mutandis, nella maggioranza dei regolamenti comunali vigenti.

 

Che servizi può offrirti ARAG?


Per difendere i tuoi diritti rivolgiti ad un esperto ARAG o per saperne di più e trovare l’offerta giusta per te, visita la pagina La Tutela legale ARAG.

In collaborazione con:

Studio Legale Spagnuoli
Piazza F. Guardi 11
20133 Milano


Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.