Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

24/09/2019


La cronaca riporta con sempre maggiore frequenza episodi di aggressione all’uomo da parte di animali, anche domestici o di affezione.

Cosa rischia il proprietario dell’animale o chi, a vario titolo, se ne prende cura?

 

L’articolo 2052 del Codice civile stabilisce che “Il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall'animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito”.


Si tratta di un’ipotesi di "responsabilità oggettiva" per cui il proprietario o il custode risponderanno dei danni cagionati dall'animale per il solo fatto di possederlo o utilizzarlo, salvo che provino il caso fortuito, da intendersi quale fattore esterno, imprevedibile, inevitabile ed eccezionale.

ARAG Tutela Legale Famiglia

La tua famiglia è la cosa più importante che hai: proteggila da ogni imprevisto.

 

Bisogna considerare anche la condotta del danneggiato, qualora la sua imprudenza sia stata l’esclusiva causa del danno. Infatti, nel caso di un danno provocato dal morso di un cane, il Tribunale di Ascoli Piceno ha ritenuto che l'incidente fosse dovuto esclusivamente alla condotta imprudente del danneggiato, che si era avvicinato senza alcuna necessità ad un animale legato, a lui sconosciuto, e che manifestava, abbaiando, segni di nervosismo aggressivo verso l’estraneo (Tribunale Ascoli Piceno, sentenza 26.10.2016).
Non costituiscono, invece, caso fortuito, il fatto improvviso e imprevedibile dell'animale, un suo repentino mutamento di umore, o ancora il fatto che l'animale sia stato in precedenza sempre tranquillo e mansueto, in quanto l’imprevedibilità è comunemente ritenuta una sua caratteristica connaturata. Per questo la Cassazione ha condannato al risarcimento dei danni conseguenti una caduta da cavallo il gestore di un maneggio (Cass. civ., n. 7903/2015).
 

I presupposti per l’applicazione della norma:

  • Il collegamento causale tra il fatto dell’animale ed il danno.

    Chi aizza volontariamente l'animale contro qualcuno, sarà chiamato a rispondere secondo le regole generali della responsabilità extracontrattuale ex art. 2043 del Codice civile in quanto l’evento lesivo è umano a tutti gli effetti.
  • Il rapporto di proprietà o di utenza dell’animale.

La responsabilità è attribuita al proprietario anche se l'animale viene abbandonato, come ribadito dalla recente normativa penale, che punisce severamente l’abbandono ed il maltrattamento degli animali.

Chi deve risarcire i danni causati dall’animale?

L’art. 2052 del Codice civile fa riferimento ai due concetti di “custodia” ed “uso”.

Secondo la tesi del rapporto di custodia, è responsabile chiunque abbia il potere di controllo sull'animale.
A titolo esemplificativo, sarebbe responsabile del danno cagionato da un cane non il padrone ma il proprietario della pensione in cui era ospitato o il veterinario che lo aveva in cura.

Più recentemente si è affermata la diversa teoria del rapporto d’uso, che ritiene responsabile dei danni il proprietario o chi ne fa uso.
Riprendendo l’esempio di prima, per il cane lasciato presso una pensione per animali risponderebbe solamente il proprietario e non il custode. In tal senso, non è stato ritenuto responsabile del danno provocato dal calcio di un cavallo colui che lo montava provvisoriamente, ma il gestore del maneggio (Cass civ. n. 10189/2010).

Il proprietario si libera della responsabilità solo ove provi di essersi spogliato dell'utilizzo dell'animale.
Con la sentenza n. 333/2017 il tribunale di Pordenone ha condannato al risarcimento dei danni patiti da una donna - caduta dalla bici perché un cane le aveva tagliato la strada - il figlio della reale padrona dell'animale, che quel giorno lo aveva portato fuori ed era l’unico ad esercitare l’effettiva vigilanza sul cane al momento del sinistro.

Ovviamente resta la responsabilità del proprietario qualora questi sia in grado di esercitare il controllo sull'animale ovvero lo abbia affidato a persona non in grado di esercitare una effettiva custodia.
La Cassazione penale ha condannato il proprietario di un cane per le lesioni cagionate a un bimbo dal morso dell’animale, anche se il cane era stato affidato temporaneamente al padre dell’imputato, ritenuta persona non in grado di controllarlo (Cass. pen., n. 30548/2016).

Cosa ti offre ARAG?

Essere assicurati con una polizza di tutela legale è utile sia per farsi assistere prima di adire le vie legali sia, soprattutto, in tutte le fasi del giudizio, senza doversi preoccupare delle spese legali necessarie a perorare la propria causa.

Per saperne di più e trovare l’offerta giusta per te, visita la pagina La Tutela legale per la famiglia.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.