Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito
Tempo di lettura: 5 minuti

19/12/2022

Dal 2035 non sarà più possibile vendere auto alimentate a benzina e diesel nell'Unione Europea; saranno invece ammessi tutti quei motori che non producono anidride carbonica.

Confrontarsi con la possibilità di acquistare un’auto elettrica non è più, dunque, un’ipotesi remota.

Quali potrebbero essere alcune situazioni critiche connesse all’uso quotidiano di un veicolo elettrico?

Vediamole insieme.

ARAG Tutela Legale Famiglia #Next!

La tua famiglia è la cosa più importante che hai: proteggila da ogni imprevisto.

Colonnine di ricarica: pubbliche e "domestiche"

La ricarica di un'auto elettrica può avvenire in diverse modalità, a seconda delle caratteristiche del veicolo e delle batterie di cui è dotato, delle caratteristiche dell’infrastruttura di ricarica e del luogo in cui si effettua la ricarica.

Su Google Maps è disponibile la mappa delle oltre 32.000 colonnine di ricarica pubblica già presenti sul territorio italiano.

Potrebbero nascere dei problemi legali dal loro utilizzo? Si.
Per esempio, in caso di malfunzionamento o corto circuito in sede di ricarica, tale da danneggiare il motore del veicolo, chi risponde? Il custode/proprietario della colonnina? Oppure la società di fornitura o di distribuzione dell'energia elettrica?

Tali aspetti saranno oggetto di discussione, in particolare quando chi ha subito i danni chiederà l’attivazione delle polizze assicurative delle parti potenzialmente coinvolte nell’accaduto.

Per quanto concerne la ricarica a casa, è necessario far controllare preventivamente il tipo di alimentazione della propria abitazione da uno specialista, poiché non necessariamente la rete domestica è stata progettata per un carico permanente più elevato.

Per avere una maggiore sicurezza meglio usare prese CEE industriali, previa valutazione di personale tecnico qualificato, che deve occuparsi anche dell’installazione.

Sempre per una maggiore tranquillità può essere opportuno installare direttamente una wallbox, che è un tipo di presa intelligente appositamente concepita per la ricarica domestica delle auto elettriche.

Se per qualche motivo devi contestare l’opera del tecnico qualificato, che per esempio ha controllato il tuo impianto o installato una wallbox, ti suggeriamo di archiviare sempre tutte le comunicazioni scritte e anche le fatture.

 

La ricarica in condomìnio

Come chiedere l’installazione delle colonnine nei condomìni?

Se il singolo condòmino o un gruppo di condòmini interessati non dispone di un box o posto auto privato e il condomìnio invece ha disponibilità di uno spazio comune (parcheggio o cortile), si può richiedere di destinare uno o più posti auto nell’area comune esclusivamente alla ricarica dei veicoli elettrici, installando le stazioni di ricarica necessarie.

Il condòmino o il gruppo di condòmini deve sempre ottenere l’autorizzazione dell’assemblea di condominio.

L'intervento è inquadrabile tra le cosiddette innovazioni: occorre il quorum deliberativo della maggioranza dei partecipanti all'assemblea ed almeno la metà del valore dell'edificio.

L'installazione potrebbe comportare una spesa molto gravosa.
Allo stesso tempo però le colonnine possono essere un bene a utilizzazione separata, per cui i condòmini che non intendono trarne vantaggio sono esonerati da qualsiasi contributo nella spesa.

Quindi si potrebbero verificare queste due situazioni:

- se l'installazione è decisa dall'intero condomìnio, l'impianto assume la natura di bene comune condominiale (articolo 1117 del Codice Civile) e segue il regime dei beni comuni;

- se invece la decisione riguarda un gruppo di condòmini, le colonnine elettriche, anche se l'installazione è stata approvata dall'assemblea, non sono comunque proprietà comune/condominiale di tutti i condòmini ma solo di quelli che le hanno volute.
Quindi i costi di installazione saranno a carico del gruppo di condòmini interessati dall'intervento.

 

I documenti necessari per il punto di ricarica

 

È importate sapere che la legge stabilisce che la realizzazione di punti di ricarica in immobili e aree private, resta attività libera non soggetta ad autorizzazione né a segnalazione certificata di inizio di attività se sono rispettate le seguenti condizioni:

 il punto di ricarica non richiede alcuna modifica all’impianto elettrico esistente;

 il punto di ricarica è conforme ai vigenti standard tecnici e di sicurezza;

 l’installazione del punto di ricarica è effettuata da un soggetto abilitato e nel rispetto delle norme di sicurezza elettriche;

l’installatore deve rilasciare un certificato di conformità dell’impianto e del suo funzionamento alle norme di sicurezza elettrica.

 

Auto elettriche silenziose

La “silenziosità” dei veicoli elettrici è una caratteristica positiva? Non sempre.
Alcuni incidenti con pedoni e ciclisti si verificano purtroppo proprio a causa dell’assenza di rumore di questi veicoli.
Si tratta di un rischio notevole per gli utenti della strada, tanto che l’Unione Europea è già corsa ai ripari.

Da luglio 2019 tutti i nuovi veicoli elettrici che vengono immatricolati nell’UE devono essere dotati di un sistema acustico chiamato Avas - acoustic vehicle alert system -, che deve essere in funzione a velocità inferiore ai 20 Km/h (anche in retromarcia).

Il dispositivo sonoro non può in alcun modo essere disattivato ad opera di chi guida.

 

Altre cose da sapere

La manutenzione

Questo è un altro aspetto al quale occorre prestare attenzione.

Le auto elettriche riescono a percorrere più chilometri rispetto ai veicoli dotati di motore a scoppio: e questo è un elemento vantaggioso.
Al contempo, le riparazioni per guasti meccanici e a seguito di incidenti stradali potrebbero costare di più rispetto alle auto tradizionali (c’è chi ipotizza addirittura un aumento del 50% del costo delle riparazioni).

Le compagnie assicurative italiane e le principali associazioni appartenenti al settore della meccanica, come le officine e le carrozzerie, hanno già messo in evidenza questo rischio di eventuali costi maggiori.

L'assicurazione

Tutti i veicoli devono essere dotati di una copertura RCA, una polizza per la responsabilità civile degli autoveicoli obbligatoria per legge.

La RCA per i veicoli elettrici può essere personalizzata in base alle proprie esigenze con una serie di garanzie accessorie, idonee a soddisfare le esigenze di chi possiede una vettura a zero emissioni.

Per esempio potrebbe essere utile una garanzia di assistenza stradale per le macchine elettriche, con la possibilità di usufruire di una ricarica sul posto se il veicolo rimane fermo in strada con la batteria scarica.

I contenuti di cui sopra hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne può essere fatto.

Che cosa ti può offrire ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale in molte situazioni della vita quotidiana (per esempio, reclamo per una bolletta errata, lite con un vicino per rumore eccessivo, richiesta danni subiti in un incidente stradale).

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per saperne di più visita la pagina la Tutela Legale per la Famiglia #Next!

Messaggio promozionale prima della sottoscrizione leggere il set informativo.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Dr. Shiva Meyer, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.

Contatti e servizi