Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

20/02/2019


Se il mezzo è idoneo alla circolazione, immatricolato in uno Stato membro dell’Unione Europea e non è stato regolarmente ritirato dalla circolazione, allora va assicurato per la responsabilità civile anche se viene tenuto fermo all'interno di una proprietà privata.

La circostanza che l'auto sia parcheggiata in un luogo privato non basta ad esonerarci dal doverla assicurare.
Così ha deciso la Corte di Giustizia dell’UE - con la sentenza C-80/17 - chiamata a pronunciarsi su un fatto avvenuto ad un autoveicolo immatricolato in Portogallo.

ARAG Tutela Legale Famiglia

La tua famiglia è la cosa più importante che hai: proteggila da ogni imprevisto.

Questi i fatti:

Una signora teneva una sua auto nel cortile di casa: per problemi di salute non la guidava più, ma non l'aveva ufficialmente ritirata dalla circolazione e non aveva pagato l’assicurazione. Sfortunatamente il figlio, senza l’autorizzazione e all'insaputa della madre, ha preso l’auto e, a causa di un’uscita di strada, ha perso la vita, così come altre due persone che si trovavano a bordo come passeggeri.

Poiché il veicolo non era coperto dalla garanzia di responsabilità civile, i parenti delle vittime sono stati risarciti dal fondo di garanzia automobilistica del Portogallo (Fundo de Garantia Automòvel).
Ritenendo però che il veicolo dovesse essere assicurato, e in conformità alla possibilità prevista dal diritto portoghese, il Fondo ha poi fatto causa alla proprietaria per il rimborso delle somme erogate ai parenti dei passeggeri.

Investita della questione, la Corte di Giustizia dell’Ue ha stabilito che l’obbligatorietà della polizza di responsabilità civile non dipende dalla decisione di utilizzare effettivamente il mezzo, ma dalla idoneità del mezzo a circolare.

Il mezzo, se non ufficialmente ritirato dalla circolazione, risponde alla nozione di “veicolo” di cui all'articolo 1, punto 1, della direttiva 72/166/CEE e non smette quindi di essere soggetto all'obbligo di assicurazione di responsabilità civile per il solo fatto che il suo proprietario non ha più intenzione di guidarlo e lo ha immobilizzato su un terreno privato.


Il veicolo oggetto della sentenza stazionava abitualmente sul territorio di uno Stato membro (il Portogallo) in cui era tuttora immatricolato, ed era inoltre funzionante.

La Corte di Giustizia, con la medesima pronuncia, ha sancito anche un altro importante principio.

I giudici hanno infatti chiarito che gli Stati dell’Unione possono prevedere che gli organismi nazionali, incaricati di risarcire i danni causati da un veicolo non identificato o per il quale non vi è stato adempimento dell’obbligo di assicurazione, possono poi proporre azione, per rivalersi, non solo nei confronti del responsabile del sinistro, ma anche contro il proprietario del veicolo, che è il soggetto tenuto a stipulare un’assicurazione RC auto e che non ha adempiuto a tale obbligo, anche se non si tratta di persona civilmente responsabile dell’incidente nell’ambito del quale si sono verificati i danni.

La scelta di introdurre una norma del genere rimane comunque del legislatore nazionale.

Cosa prevede la legge italiana.

La sentenza della Corte di Giustizia ha aperto all’opzione di rivalsa ai danni del proprietario non responsabile.

A tale riguardo si rammenta che, in Italia, il Codice delle assicurazioni (D.Lgs. n. 209/2005, art. 292) prevede il diritto di regresso nei confronti dei responsabili del sinistro in una serie di casi particolari come, ad esempio, quando il veicolo che ha causato il danno non venga identificato o non sia coperto da assicurazione: in tali casi, all'impresa designata (Fondo di Garanzia delle Vittime della Strada, FGVS) che, anche in via di transazione, ha risarcito il danno, viene riconosciuta l’azione di regresso nei confronti dei responsabili del sinistro per il recupero dell’indennizzo pagato nonché degli interessi e delle spese.

Si deve aggiungere che la Cassazione si è pronunciata nel senso che ha ritenuto legittima l’azione di regresso dell’impresa designata (il FGVS) contro il proprietario dell’autovettura non perché fosse il responsabile del sinistro ma perché non aveva rispettato l’obbligo di stipulare l’assicurazione RC Auto (Cass. civ. sez. III, sentenza 7 maggio 2015, n. 9253; in senso contrario, ved. Sentenza n. 14681/2012).

Che polizza ti offre ARAG?

Per difendere i tuoi diritti rivolgiti ad un esperto ARAG, o per saperne di più e trovare l’offerta giusta per te, visita questa pagina.

In collaborazione con:

Studio Legale Associato Franciosa – Passini
Viale Mazzini, 123
00195 Roma

Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.