Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

14/10/2021

 

L'uso (scorretto) del cortile condominiale è una causa frequente di discussione tra condòmini
Qui forniamo alcune indicazioni sia sul parcheggio delle auto nel cortile sia su altre questioni delicate.

ARAG Tutela Legale Condominio

La polizza che risponde alle esigenze del tuo condominio in caso di imprevisti e controversie.

Il cortile del condominio: possibili usi

Il cortile è uno spazio esterno comune (articolo 1117 del codice civile).
Tutti i condomini devono poterlo usare, anche per trarne utilità diverse, ma senza cambiarne la destinazione (articolo 1102 del codice civile).

Le possibilità di sfruttamento del cortile possono essere molteplici (per esempio: presa d’aria e di luce per gli immobili che vi si affacciano; parcheggio dei veicoli; deposito temporaneo di materiali durante i lavori di manutenzione del condominio).

É possibile parcheggiare nel cortile?

Spetta all’assemblea decidere su questo tema, predeterminando le aree del cortile che possono essere usate per la sosta dei veicoli.

Il diritto di parcheggiare nel cortile deve essere escluso se i veicoli in sosta:
- rendono difficoltoso e scomodo il raggiungimento a piedi delle singole unità immobiliari;
- impediscono ad un condomino di fare entrare dei veicoli nella sua proprietà posta al pianterreno.

Divieto di parcheggio stabilito nel regolamento di condominio

Il regolamento di condominio può prevedere che il cortile sia lasciato libero e sgombro da tutti i condòmini.
In questo caso l'eventuale sosta, sia che duri pochi minuti o alcune ore, è una occupazione del cortile non legittima.

Il parcheggiare in modo irregolare la propria auto nel cortile può addirittura integrare il reato di violenza privata (art. 610 del codice penale), che è punito con la reclusione.
Per fare scattare la sanzione penale non sono necessari particolari comportamenti.
È sufficiente anche il semplice rifiutarsi di spostare il veicolo una volta che si è invitati a farlo.

Auto “abbandonata” nel cortile condominiale

Lasciare per moltissimo tempo l’auto nel cortile può portare ad una violazione dell’articolo 1102 del codice civile.
Non è infatti ammesso un uso del bene comune tale da compromettere l’uso degli altri condomini.

Inoltre se il veicolo è completamente fuori uso ed in evidente stato di abbandono, va rottamato.
Abbandonare un veicolo in pessimo stato di conservazione e privo di vari componenti è un reato (si tratta di un rifiuto speciale; Corte di Cassazione - sentenza 20492/2014).

Lo sai che...

L’ inquilino può servirsi dei beni condominiali nell’identica misura e con le stesse modalità con le quali se ne serve il proprietario dell’immobile.

Quindi l’inquilino ha il diritto di parcheggiare nel cortile esattamente come i proprietari, salvo che nel contratto di locazione sia stabilito qualcosa di diverso.

Se non si dispone di un box o di una area privata ove installare la propria colonnina elettrica per la ricarica di un veicolo, si può chiedere di usare il cortile del condominio.

Attenzione però: occorre mandare una domanda scritta all'amministratore che deve essere corredata con un progetto dettagliato, anche nella fase esecutiva, e poi si deve attendere l'autorizzazione dell'assemblea di condominio.

Che cosa ti può offrire ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale qualificato anche in riferimento alle controversie condominiali.

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per saperne di più visita la pagina La Tutela Legale per il Condominio.

Messaggio promozionale prima della sottoscrizione leggere il set informativo.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.

Contatti e servizi