Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

21/09/2021

 

Le minacce di attacco hacker non riguardano solo le grandi aziende e gli enti pubblici.
Anche i professionisti possono essere degli obiettivi “sensibili”.

Con quali azioni concrete puoi proteggere la tua attività professionale?

ARAG Tutela Legale Professionista

Più protezione per la tua professione, e più serenità per te con ARAG Tutela Legale Professionista.

1. Rendi sicuro l’accesso ai tuoi sistemi informatici

È banale dirlo ma la password rimane tuttora una delle migliori difese contro gli attacchi informatici.

Cosa non bisogna assolutamente fare? Ecco un breve elenco:

- usare informazioni personali reperibili online (per esempio il nome e il cognome; la data di nascita; il numero di targa della tua auto);
- ricorrere ad ovvietà come l’uso della parola “password” nella parola di riconoscimento e le sequenze di lettere o numeri come a-b-c-d e 1-2-3-4-5-6;
- usare sempre la medesima password per tutte le chiavi di accesso ai vari sistemi informatici.

2. Mantieni aggiornati i dispositivi che usi per la professione

Mantenere aggiornati e protetti i vari dispositivi (pc, notebook, tablet, smartphone, ecc.) è un punto cruciale del tuo investimento in cyber security. Occorre in particolare:

  • aggiornare sempre l’antivirus;
  • adottare soluzioni per bloccare messaggi di posta elettronica indesiderati (spam), ma anche quelli contenenti link a siti web dannosi o allegati dannosi (virus) nonché messaggi di posta elettronica di phishing;
  • proteggere i dati conservati sui dispositivi mobili criptandoli. Se usi reti pubbliche senza protezione, come le reti WIFI di alberghi e aeroporti, dovresti utilizzare sempre una connessione sicura attraverso una VPN (una rete privata virtuale).

3. Controlla sempre i tuoi strumenti di lavoro

Il computer e lo smartphone non devono essere lasciati incustoditi, per esempio nel sedile posteriore del veicolo.
Inoltre è meglio predisporre la funzione di blocco automatico su ogni dispositivo usato per fini professionali.

4. Rendi sicura la tua rete

I firewall gestiscono il traffico in entrata e in uscita da una rete e sono essenziali in quanto bloccano i tentativi di connessione al tuo computer o alla tua rete informatica.

5. Il backup dei dati può essere il tuo "salvagente"

Per consentire il recupero di informazioni essenziali è opportuno eseguire in modo automatico e regolare il backup.
Il backup ti tutela molto in caso di un attacco ransomware.

Una percentuale sempre più rilevante degli attacchi cyber è legata al furto di identità, alla clonazione di carte di credito e ad altre forme di accesso a dati sensibili.

ARAG ti offre una tutela specifica in tal senso grazie al servizio di Protezione dell'identità digitale fornito da una start up Insurtech, partner di ARAG (www.iddefend.it).

Scopri tutti i dettagli qui.

 

Le minacce non vengono solo dall'esterno. Il caso di una password nelle mani sbagliate...

Cosa accade se un soggetto dotato della password si trattiene nel sistema informatico per svolgere attività diverse rispetto a quelle per le quali gli è stato concesso l’accesso?

Nella sentenza n. 34296/2020, la Corte di Cassazione ha affrontato il caso di un socio di uno studio professionale associato che copiò dal computer dello studio dei file, in vista dello svolgimento di una autonoma attività professionale.

Per capire se l’accesso eseguito dal socio era lecito i giudici indagarono sulla finalità perseguita dall’utente.


Infatti il potere di accesso ad un sistema informatico non può mai essere esercitato in contrasto con gli scopi che sono a base dell’attribuzione del potere e neppure “in contrasto con le regole dettate dal titolare o dall’amministratore del sistema”.

Nel caso di specie il diritto di accesso ai sistemi informatici era stato riconosciuto per perseguire scopi propri dell'associazione e non scopi personali.

L'accesso al sistema informatico da parte dell' imputato venne quindi considerato abusivo e sanzionato ai sensi dell'art. 615-ter del Codice penale.

Lo sai che...

Dal 2017 il trend di crescita degli attacchi cyber è purtroppo costante (a livello globale quelli gravi sono aumentati del 66% rispetto al 2017).

Nel 2020 gli attacchi cyber sono stati messi a segno utilizzando soprattutto Malware (42%), tra i quali spiccano i cosiddetti Ransomware che hanno come conseguenza quella di limitare l’accesso ai dati contenuti sul dispositivo infettato, richiedendo un riscatto.

Ottobre è il mese dedicato alla campagna European Cybersecurity Month 2021 (ECSM), che ha lo scopo di sensibilizzare sulla sicurezza informatica.
Clicca qui per i dettagli

Che cosa ti può offrire ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale qualificato mediante servizi e informazioni sempre accessibili.

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per saperne di più visita la pagina La Tutela Legale per i Professionisti.

Messaggio promozionale prima della sottoscrizione leggere il set informativo.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.