Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

13/07/2021

Chi riceve una multa per una presunta violazione del codice della strada non sempre ha il tempo di controllarla.

Siamo tutti di fretta e poco propensi, a volte, a soffermarci sui dettagli.

Questi però possono fare la differenza quando si tratta di valutare se impugnare la multa.

 

Le 10 cose da verificare se vuoi contestare una multa

1. Notifica entro 90 giorni

 

Le multe devono essere notificate entro 90 giorni dalla data dell'infrazione, altrimenti sono illegittime.

2. Nel verbale occorre indicare la legge violata

 

Il verbale è nullo se non indica la norma violata dal conducente del veicolo. Se non viene indicata la legge ma viene comunque specificato il comportamento (per esempio “passaggio con il rosso”), chi ha ricevuto la multa non può fare ricorso.

3. Nel verbale devono esserci l’importo da pagare e lo sconto del 30%

 

La multa è nulla se non vengono precisati la somma da pagare ed anche, se applicabile, la riduzione del 30%.
Per ottenere la riduzione della contravvenzione occorre pagare entro 5 giorni.

La possibilità di pagare una sanzione ridotta del 30% è prevista solo per alcune violazioni del Codice della Strada.

4. Le foto della violazione commessa devono essere chiare

 

É sempre opportuno visionare le foto per vedere se ci sono delle irregolarità che consentono l'annullamento della multa (per esempio nella fotografia non si legge bene la targa).
Per tutelare la privacy le foto non vengono spedite in allegato al verbale ma rimangono a disposizione presso l’organo accertatore.

5. Nel luogo indicato nel verbale deve essere possibile il verificarsi della violazione

 

Un esempio aiuta a capire bene questo punto. Se viene contestato un divieto di sosta in una via dove la sosta è libera, su ambo i lati, la multa non è corretta e si può fare ricorso.

6. La data dell’infrazione deve essere corretta

 

Se la data della violazione è errata spetta al presunto trasgressore dimostrare l’errore. In particolare egli dovrà provare che in quella specifica data era, per esempio, in luogo diverso da quello indicato nella multa oppure a casa ammalato.

7. La targa va indicata, il colore del veicolo non è essenziale

 

L’indicazione non corretta del colore del veicolo non è motivo di impugnazione della multa se tutti gli altri elementi del veicolo sono bene identificati (targa, proprietario, ecc.).

8. Il tutor deve essere segnalato e va tarato

 
La multa con il tutor è illegittima:
se prima dell’apparecchio non è indicato «controllo elettronico della velocità media» oppure «controllo elettronico della velocità mediante tutor»
se il tutor non viene sottoposto a verifiche periodiche di taratura
 

9. L’autovelox deve essere visibile da chi guida

 

Le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili (art. 142 del codice della strada).

10. Informazioni o lievi errori sui singoli elementi del verbale

 

La multa è nulla solo se, a causa dell’errore, sono compromessi i diritti di chi viene multato.
Tutti gli errori o le mancate informazioni che possono essere “compensati” da altre informazioni riportate sul verbale non portano alla nullità della multa.

Per esempio la data di nascita errata del presunto trasgressore non comporta la nullità del verbale se sono presenti altre informazioni (nome e cognome, codice fiscale, ecc.).

I contenuti di cui sopra hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne può essere fatto.

Che cosa ti può offrire ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale qualificato anche in caso di vertenze in ambito di circolazione stradale.

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per saperne di più visita la pagina la Tutela Legale per la Circolazione.

Messaggio promozionale prima della sottoscrizione leggere il set informativo.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.