Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

01/06/2021

La stanchezza ed il torpore sono i tipici segnali d'allarme di un colpo di sonno.
Chi guida dovrebbe fermarsi subito e riposare.

Molto spesso ciò non accade: la sonnolenza alla guida provoca infatti circa 1/5 degli incidenti stradali.

Quali possono essere le ripercussioni legali per chi guida assonnato?
Vediamole insieme.

ARAG Tutela Legale Circolazione

Non rinunciare a difendere i tuoi diritti.
In caso di incidenti o imprevisti in strada affidati ad ARAG.

 

Il colpo di sonno alla guida non è una scusante

 

Chi causa un incidente per un improvviso colpo di sonno non solo risponde dei danni cagionati ma è anche soggetto ad una multa per non aver prestato la dovuta cautela.

Il colpo di sonno alla guida, infatti, non può essere considerato come un malore improvviso o come una causa di forza maggiore, ma è un evento prevedibile ed evitabile.

Secondo l’art. 141 del Codice della StradaIl conducente deve sempre conservare il controllo del proprio veicolo ed essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza, specialmente l’arresto tempestivo del veicolo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile”.

 

Chi viola l'art. 141 del codice della Strada, guidando in condizioni di non sicurezza, rischia una multa da 42 a 173 euro.

Colpo di sonno e omicidio stradale

 

Se un conducente insonnolito viola il codice della strada (per esempio passa con il semaforo rosso) e provoca, al contempo, il ferimento o addirittura la morte di una o più persone la situazione si complica enormemente.

Per il reato di omicidio stradale è prevista una pena fino a 18 anni di reclusione.

Secondo la Cassazione è legittimo ipotizzare il reato di omicidio stradale “qualora siano presenti elementi idonei a far ritenere che la perdita di controllo del veicolo sia stata determinata non da un malore ma da un altro fattore non imprevedibile (sonno, stanchezza), che avrebbe dovuto indurre il conducente a desistere dalla guida” (Cassaz. sentenza 27410/2018).



Disturbo del sonno cronico

 

Un disturbo del sonno cronico può essere motivo di mancato rilascio o rinnovo della patente da parte della commissione medica locale, quando viene accertato che il guidatore soffre di disturbi del sonno tali da impedire una guida regolare e in sicurezza.

Il decreto del Ministero dei Trasporti 22/12/2015 dispone infatti che “la patente di guida non deve essere né rilasciata né rinnovata a candidati o conducenti affetti da disturbi del sonno causati da apnee ostruttive notturne che determinano una grave e incoercibile sonnolenza diurna, con accentuata riduzione delle capacità dell’attenzione non adeguatamente controllate con le cure prescritte”.


La soglia di attenzione non è la stessa nelle 24 ore

 

La nostra soglia di attenzione alla guida si abbassa enormemente nelle ore notturne e dopo le 14.
Ma anche nelle prime ore del mattino occorre prestare maggiore attenzione

Quando si guida nelle fasce orarie "a rischio" e si avverte una infinita stanchezza occorre fermarsi subito in un’area di sosta e dormire per recuperare la condizione ottimale.

Per chi volesse conoscere i dati degli incidenti in Europa si consiglia di visitare il sito dell'European Transport Safety Council https://etsc.eu/euroadsafetydata/

In collaborazione con:

Studio Legale Associato Franciosa – Passini
Viale Mazzini, 123
00195 Roma

I contenuti di cui sopra hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne può essere fatto.

Cosa ti offre ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale qualificato anche in caso di richiesta di risarcimento per sinistro stradale.

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per saperne di più visita la pagina La Tutela Legale per la Famiglia.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.