Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

09/04/2021

Nel nostro paese un cittadino può decidere di non vaccinarsi poiché “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario, se non per disposizione di legge” (art. 32 della Costituzione).

In tema di vaccini vi sono due esigenze da conciliare: da un lato la libertà personale (che è inviolabile ai sensi dell’articolo 16 della Costituzione); dall’altro la legittima facoltà delle istituzioni di prevedere dei trattamenti sanitari obbligatori mediante una specifica normativa.

 

Settore sanità: obbligo di vaccinazione anti Covid-19

Il legislatore ha finora introdotto l’obbligo di vaccinazione solo per gli esercenti le professioni sanitarie in considerazione della situazione di emergenza epidemiologica da SARS-CoV-2.

L’obbligo sussiste per i medici e più in generale per tutti “gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali” (art. 4 Decreto Legge 1° aprile 2021 , n. 44).

In relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale, la vaccinazione del personale sanitario non è obbligatoria e può essere omessa o differita.

Il rifiuto del vaccino, non giustificato, ed in assenza di mansioni alternative disponibili che non comportino contatti interpersonali o rischio di diffusione del contagio, determina la sospensione dalla prestazione e dalla retribuzione fino al 31 dicembre 2021 o fino all' assolvimento dell' obbligo vaccinale.
Questo vale, lo ripetiamo, solo per le professioni sanitarie.

Settori lavorativi diversi dalla sanità: non c è obbligo di vaccinazione anti Covid-19

I lavoratori dei comparti diversi dalla sanità non sono obbligati a sottoporsi alla vaccinazione anti Covid-19.

Dunque non vi è una norma generale che ha reso obbligatoria questa vaccinazione.

La strada scelta è quella della “raccomandazione a vaccinarsi”.

Vaccinazioni obbligatorie e vaccinazioni raccomandate

Nei contesti lavorativi occorre fare una distinzione tra:

a) vaccinazioni obbligatorie tali da essere un requisito irrinunciabile per poter svolgere uno specifico lavoro. In tale caso il compito di verificare l’avvenuta vaccinazione spetta al datore di lavoro
b) vaccinazioni raccomandate per svolgere un certo lavoro in sicurezza. Qui il compito di monitorare il piano vaccinale appartiene al medico competente
c) vaccinazioni obbligatorie per l’ingresso in Paesi esteri, anche ai fini lavorativi.

Le vaccinazioni sono obbligatorie in presenza di un “rischio biologico”.

L’obbligatorietà delle vaccinazioni, dunque, non può essere considerata in modo generico ma va valutata rispetto al rischio esistente in quel preciso singolo settore.

 
 

Cosa accade in caso di rifiuto di una vaccinazione obbligatoria?

Il lavoratore in tale caso attua, prima ancora che sul piano lavoristico, un comportamento di rilievo penale poiché, come argomentato dalla Cassazione (sentenza nr. 1728/2005), il lavoratore non può rifiutare le vaccinazioni quando queste sono previste per legge.

Si ricorda inoltre che le misure di sicurezza devono essere attuate dal datore di lavoro anche contro la volontà del lavoratore (sentenza Cassazione nr. 1170/1991) per cui, in caso di rifiuto, la normativa impone al datore di lavoro di attivare una procedura disciplinare (art. 7 L. 300/1970).

La vaccinazione obbligatoria è un tema sul quale decide lo Stato

La vaccinazione obbligatoria è una materia riservata alla competenza statale.

Il confine tra trattamenti obbligatori e non obbligatori rientra tra i principi fondamentali della tutela della salute e deve dunque essere stabilito dallo Stato.
Ciò anche allo scopo di garantire misure omogenee su tutto il territorio nazionale.

La scelta tra obbligo e raccomandazione, ai fini della somministrazione del vaccino, costituisce il punto di equilibrio tra valori che sono parimenti tutelati dalla nostra Costituzione, tra autodeterminazione del singolo da un lato (rispetto della propria integrità psico-fisica) e tutela della salute (individuale e collettiva) dall'altro lato.

Che cosa ti può offrire ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale qualificato mediante servizi e informazioni sempre accessibili.

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per difendere i tuoi diritti rivolgiti ad un esperto ARAG o per saperne di più e trovare l’offerta giusta per te, visita la pagina La Tutela legale ARAG.

In collaborazione con:

Studio Legale Potenza
Avv. Pasquale Potenza
Galleria del Toro, 3
40121 Bologna – BO

Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.