Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti
Il presente sito utilizza cookies di sessione. Puoi leggere la relativa informativa accedendo alla cookies policy.

04/12/2017

Può capitare che ci arrivino a casa diverse multe, prese durante la stessa giornata e sul medesimo tratto autostradale. Ad esempio ciò avviene quando più tutor o autovelox posizionati a distanza ravvicinata l’uno dall'altro, registrano a distanza di pochi minuti, diverse violazioni. Di conseguenza ci vengono notificate più multe.

Ci si chiede se, in tali casi, si possa ottenere uno "sconto", considerato che il comportamento contestato all'automobilista è sempre lo stesso, benché accertato in momenti diversi e tra loro molto ravvicinati. La risposta è affermativa e viene dallo stesso Codice della Strada, come interpretato da una recente sentenza del Tribunale di Firenze (n.887/2017).

Nel caso in cui una medesima infrazione, ripetuta, dia origine a più sanzioni, è necessario valutare se la ripetizione della violazione sia stata posta in essere in un arco temporale più o meno breve. Se le infrazioni sono molto ravvicinate nel tempo, possono essere considerate come una condotta unitaria e pertanto devono essere sanzionate secondo la disciplina della “continuazione”.
A tal riguardo l’art. 198 del Codice della Strada, stabilisce che la sanzione è quella prevista per la violazione più grave, aumentata sino al triplo. La sanzione applicata risulta quindi inferiore alla somma delle singole sanzioni.
L’automobilista, per ottenere questa riduzione della sanzione, deve quindi dimostrare che le svariate multe ricevute sono frutto della medesima condotta e che il tutto è avvenuto in un lasso di tempo molto ristretto.

E per le zone a traffico limitato (ZTL) vale la stessa regola?
Si, le violazioni commesse sono sanzionabili secondo la disciplina della “continuazione” già descritta, quando sono estremamente ravvicinate nel tempo (ad esempio quando si attraversa la stessa ZTL a distanza di pochi minuti) e si possono considerare frutto di una "condotta unitaria". Se invece l’automobilista si è introdotto nella ZTL più volte, a distanza di alcune ore, sarà tenuto a pagare una contravvenzione per ogni singola infrazione, perché non si può ravvisare la sussistenza di una condotta unica.

In situazioni come queste, per contestare le contravvenzioni ricevute e dimostrare che sono frutto di una condotta unitaria, una polizza di Tutela legale ARAG può essere molto utile, supportando l’iniziativa dell’automobilista in ogni fase del ricorso.


In collaborazione con:
Studio Legale Associato Franciosa – Passini
Viale Mazzini, 123
00195 Roma

Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.


ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Werner Nicoll, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.