Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

15/09/2017

Allacciate le cinture! Non è uno slogan ma un obbligo per tutti gli occupanti di un veicolo, anche per i passeggeri del sedile posteriore.

E se per caso non lo fanno? Il conducente potrà essere chiamato a risponderne!



Una recente sentenza della Cassazione ha confermato che, in caso di incidente stradale, se i passeggeri hanno riportato lesioni non gravi anche a causa del mancato uso delle cinture, il conducente può subire un procedimento penale se uno dei passeggeri sporge querela.

Nel caso poi di incidente con lesioni gravi o gravissime (con prognosi superiore a 40 giorni), sarà processato d’ufficio per cui rischierà una severa condanna e con essa la revoca della patente per ben 5 anni! In pratica, il conducente dovrebbe evitare di partire finché tutti non abbiano fatto il classico “clack” con la chiusura delle rispettive cinture.

ARAG Tutela Legale Circolazione

Non rinunciare a difendere i tuoi diritti.
In caso di incidenti o imprevisti in strada affidati ad ARAG.

 

Non è necessario comunque avere un incidente stradale per avere problemi a causa delle cinture non allacciate.

Ricordiamo che se si viene fermati per un controllo e le cinture non sono allacciate, il conducente e i passeggeri maggiorenni rischiano di pagare una sanzione pecuniaria e di subire la decurtazione di 5 punti patente. Se poi si viene nuovamente “pizzicati” entro due anni, oltre a quelle sanzioni c’è la sospensione della patente da 15 giorni a due mesi.

Inoltre, il conducente va incontro alle stesse sanzioni in presenza di minorenni senza cinture; non rischia nulla solamente se a bordo c’è un genitore del minore poiché la sanzione pecuniaria e la sottrazione dei punti patente colpirebbero solo lui.

Che servizi può offrirti ARAG?

Una polizza di Tutela legale ARAG è utilissima nel caso di incidente stradale. Sarà possibile affidarsi a un professionista legale per accertare le effettive responsabilità.

Le polizze di Tutela Legale permettono infatti di avere a disposizione un legale e, se necessario, anche un buon perito che faccia luce su quanto è accaduto, per poter affrontare i procedimenti giudiziari legati alla circolazione stradale con gli strumenti migliori ma senza doversi preoccupare delle spese legali e peritali.

Con una piccola spesa, la polizza ARAG copre le spese legali sia per la difesa penale sia per il recupero dei danni fisici e materiali, nonché per gli eventuali ricorsi alle Autorità, sempre in seguito a incidenti stradali.

Rubrica a cura di ARAG pubblicata sul mensile Automobilismo numero di luglio 2017.

Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.