Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

23/05/2019

Il modulo blu CAI (Costatazione Amichevole di Incidente) è il modulo fornito dalla propria compagnia RCA che, in caso di incidente, i conducenti dei due veicoli coinvolti redigono e sottoscrivono congiuntamente. Con esso si avvia la procedura di indennizzo diretto; per questo è detto anche CID (Convenzione Indennizzo Diretto).

L’indennizzo diretto è previsto solo per sinistri tra due veicoli a motore. Sono esclusi i sinistri senza urto, quelli con più di due veicoli, con veicolo straniero, con un ciclomotore privo della “nuova targa” (DPR n. 153/2006), e quelli con feriti gravi.

Il CAI, che riporta i dati dei veicoli e le generalità delle persone coinvolte e descrive la dinamica dell’incidente con disegni, punti d’urto/danni, testimoni è disciplinato dall’art. 143 c. 2 del D. Lgs. 209/05: “Quando il modulo sia firmato congiuntamente … si presume, salvo prova contraria …, che il sinistro si sia verificato nelle circostanze, con le modalità … risultanti dal modulo stesso”.


Le dichiarazioni del CAI rappresentano una confessione stragiudiziale valevole anche per la compagnia assicurativa (Sezioni Unite 10311/06).

Nel caso in cui fosse firmato da uno solo dei due guidatori coinvolti, il modulo vale come mera denuncia di sinistro.

 

ARAG Tutela Legale Circolazione

Non rinunciare a difendere i tuoi diritti.
In caso di incidenti o imprevisti in strada affidati ad ARAG.

 

Cosa succede quando il CAI è compilato male?

Può accadere che i conducenti commettano errori nella compilazione e/o descrivano erroneamente i fatti.
In questi casi il diritto al risarcimento non necessariamente è compromesso.
La Cassazione (11368/2014) ha precisato che l’errore nella compilazione del CAI non preclude il diritto al risarcimento dei danni, se si prova che i fatti e i dati reali sono diversi da quelli descritti nel documento.

Nel caso in cui uno dei conducenti descriva erroneamente la dinamica del sinistro, l’errore può essere superato con prove supplettive, come consulenze tecniche, testimonianze, interrogatorio formale. La semplice smentita della parte potrebbe non essere sufficiente.

Quindi, è possibile ovviare all'errore provando la diversa circostanza. In mancanza, se nel processo non è dimostrato che i fatti si sono svolti diversamente e che le responsabilità sono differenti, il CID assumerà valore di piena prova ai fini della decisione del giudice.

 

Che cosa ti offre ARAG?

Essere assicurati con una polizza di tutela legale è utile per far valere le proprie ragioni, in tutte le fasi del giudizio, anche per mezzo di perizie di parte, senza doversi preoccupare delle spese legali necessarie a perorare la propria causa.

Per saperne di più e trovare l’offerta giusta per te, visita la pagina La Tutela Legale per la circolazione stradale.


Per sapere cosa fare in caso di incidente, visita questa pagina a cura di IVASS

In collaborazione con:

Studio Legale Potenza
Galleria del Toro, 3
40121 Bologna

Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.