Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

15.02.2022

L’esecuzione di lavori di manutenzione di un fabbricato è subordinata, talvolta, alla possibilità di accedere all’interno della proprietà di terzi.

Quali sono i criteri che regolano la richiesta di accesso ad una proprietà diversa dalla propria?

ARAG Tutela Legale Famiglia #Next!

La tua famiglia è la cosa più importante che hai: proteggila da ogni imprevisto.

Accesso al fondo: sei obbligato a concederlo se il vicino deve fare dei lavori?

In alcuni casi, espressamente previsti dalla legge, il proprietario di un “fondo” deve consentire l’accesso ed il passaggio nella sua proprietà (art. 843 del codice civile).

Il termine “fondo” non si riferisce solo ai fondi e terreni agricoli, ma anche a quelli urbani (per esempio, immobili destinati a civile abitazione o immobili destinati ad uso commerciale o industriale).

La legge riconosce un vero e proprio diritto di accesso se occorre:
• riparare o costruire un muro di proprietà o di proprietà in comune con il vicino;
• riparare o costruire una qualsiasi altra opera di proprietà o di proprietà in comune con il vicino.

Per accedere al fondo altrui si deve provare che non c’è altro modo di fare i lavori di costruzione o di riparazione.

Accordo tra le parti: ok al passaggio ma entro certi limiti

É possibile, ed auspicabile, che i proprietari si accordino sulle concrete modalità di accesso e di passaggio (sentenza Cassazione civile n. 3222/1982). Le parti possono quindi definire con un accordo scritto:
  • la durata temporale dell’accesso e come deve avvenire (ad esempio chiarendo a quali persone è consentito l’accesso ed in quali ore della giornata, se è possibile il passaggio di macchinari, se è possibile o meno occupare il fondo con attrezzi e simili, ecc.);
  • l’indennità dovuta al proprietario del fondo vicino per il passaggio e l’occupazione del suo fondo.

Se il confinante rifiuta l’accesso allora il vicino può rivolgersi al giudice che valuta se ordinare al confinante di consentire il passaggio.
Il giudice determina anche, se richiesto, l’indennità dovuta per eventuali danni tenendo conto del tempo di occupazione della proprietà altrui.

Una importante precisazione: il proprietario autorizzato al passaggio e all’accesso sul fondo altrui deve, a sua cura e spese, provvedere anche al completo ripristino della proprietà in modo che essa torni alla situazione antecedente all’occupazione (sentenza Cassazione civile n. 774/1982).

Condomìni confinanti ed interventi Superbonus 110%

Veniamo ad un caso particolare: un condominio delibera di realizzare, nell’ambito di una pratica Superbonus, un cappotto esterno che incide sulle dimensioni dell'immobile sottoposto ai lavori.

Nel decreto Rilancio si stabilisce che: "Gli interventi di dimensionamento del cappotto termico e del cordolo sismico non concorrono al conteggio della distanza e dell'altezza, in deroga alle distanze minime riportate all'articolo 873 del codice civile" (art. 119, comma 3, del Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34).

Cosa significa questo in pratica? Che i proprietari delle unità immobiliari non possono invocare il mancato rispetto delle distanze minime tra le costruzioni (art. 873 del codice civile) a causa del cappotto che aumenta, seppur di poco, le dimensioni dell'edificio confinante con loro.

Ci sono poi dei casi in cui chi vuole realizzare il cappotto deve chiedere l’accesso alle unità immobiliari o al condominio confinanti (per esempio, per posizionare i ponteggi).

I proprietari degli immobili confinanti non hanno alcun obbligo di consentire subito l'accesso, nelle loro proprietà, per permettere la realizzazione del cappotto.
Come si diceva sopra, il codice civile impone di concedere l'accesso solo in caso di necessità e quando non sono possibili soluzioni alternative.
La necessità di accedere alla proprietà altrui va dimostrata.

Un esempio per capire cosa si intende per "necessità "

In caso di infiltrazioni di acqua in un immobile vanno fatti dei lavori di impermeabilizzazione.
Se questi lavori presuppongono l’accesso al terreno del vicino (perché in base al progetto va eseguito, obbligatoriamente, uno scavo), il vicino è tenuto a concedere il passaggio.

Infatti “non si può, sulla base di un assoluto rispetto del diritto reale del vicino, negare all'altro, già in via di principio, il diritto alla riparazione della propria opera” (sentenza Cassazione civile n. 32100/2021).

I contenuti di cui sopra hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne può essere fatto.

Che cosa ti può offrire ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale qualificato in tante situazioni della vita quotidiana (per esempio quando devi chiedere un risarcimento per danni subiti in un sinistro stradale, se hai una lite con il vicino oppure se hai un problema con una compagnia telefonica).

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per saperne di più visita la pagina La Tutela Legale per la Famiglia.

Messaggio promozionale prima della sottoscrizione leggere il set informativo.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.

Contatti e servizi