Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

12/02/2018



Non di rado, chi è proprietario di un appartamento, si trova a dover fronteggiare danni per le infiltrazioni dovute alla vecchiaia o alla cattiva manutenzione dell’impianto idraulico condominiale. In situazioni come questa, la responsabilità, e quindi l’obbligo del risarcimento, gravano sul condominio.

Condominio Protetto

La polizza che risponde alle esigenze del tuo condominio in caso di imprevisti e controversie.

Secondo l’art. 2051 del codice civile, infatti, il custode (condominio) risponde di tutti i danni provocati dal bene custodito ai soggetti terzi.
Il condominio ha quindi l’onere di monitorare preventivamente lo stato “di salute” delle parti comuni e, se necessario, intervenire tempestivamente.

Per distinguere le parti comuni dalle private si fa riferimento all'art. 1117 del codice civile, che in modo indicativo e non tassativo stabilisce che sono comuni: “…le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere destinati all'uso comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli impianti idrici e fognari… e i relativi collegamenti fino al punto di diramazione ai locali di proprietà individuale dei singoli condomini, oppure, in caso di impianti unitari, fino al punto di utenza, salvo quanto disposto dalle normative di settore in materia di reti pubbliche”.

Con riguardo specifico alle tubature, il criterio è in generale il seguente:

le tubature di adduzione, cioè in arrivo allo stabile, sono di proprietà condominiale sino a quando non incontrano la proprietà privata, generalmente fino a quando non si attaccano al contatore privato; per le condutture che, invece, escono dallo stabile, ovvero quelle di scarico, vale il discorso contrario. Le condutture sono comuni a partire dal punto in cui lasciano la proprietà privata.

Cosa ti offre ARAG?

Colui che subisce un danno da infiltrazione, derivante da tubature condominiali, deve richiedere il risarcimento direttamente al condominio, nella persona dell’amministratore, che è obbligato a risarcire il danno a meno che non provi il caso fortuito o la forza maggiore. E se il danneggiato ha una polizza di tutela legale, la può utilizzare per farsi assistere in ogni fase della sua richiesta di risarcimento, per tutte le attività necessarie (dalla perizia per la quantificazione del danno alla formalizzazione della richiesta stessa), senza doversi preoccupare delle spese legali o per i periti.

In collaborazione con:

Studio Legale Potenza
Avv. Pasquale Potenza
Galleria del Toro, 3
40121 Bologna

Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Werner Nicoll, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.