Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

20/03/2018

Acquistare online è ormai un fatto consueto e ordinario. Tutto è a portata di “click” e acquistabile in modo semplice, rapido e con la consegna direttamente a casa. Si tratta di un fenomeno che non è esente da problemi pratici e giuridici, come rischi di truffe, inadempimenti, mancate consegne etc.



Quali sono le garanzie per l’acquirente?
In questi casi egli gode di protezione e di tutela giuridica?

Nei contratti di e-commerce il consumatore gode della tutela prevista dal Codice del Consumo e della direttiva 2000/31 CE, che prevede il diritto:
- a informazioni sul prodotto, sulle sue caratteristiche, qualità, prezzo, spese e tempi di consegna, modalità di pagamento etc.;
- a ricevere informazioni sul soggetto produttore e/o venditore del bene;
- al recesso dal contratto.

Il termine perentorio per la consegna è di 30 giorni dall'ordine. In difetto, il compratore può chiedere la restituzione del prezzo e il risarcimento dei danni.
In ogni caso, entro 14 giorni dalla consegna il consumatore, insindacabilmente e senza obbligo di motivazione, può recedere dal contratto, inviando una comunicazione scritta alla sede del venditore a mezzo raccomandata a/r oppure mediante telegramma, telex, posta elettronica e fax, ma a condizione che nelle 48 ore successive segua la raccomandata prevista dalla legge.
La dichiarazione di recesso deve indicare i dati del consumatore, l’ordine, l’indicazione della merce e la richiesta di restituzione del prezzo di quanto acquistato, che è da intendersi al netto delle spese di consegna e rispedizione, sempre a carico del consumatore.

Il venditore deve restituire l’importo entro 30 giorni. L’acquirente sarà liberato quando il venditore confermerà che i beni gli sono stati restituiti conformi e integri.

L’articolo n.59 del Codice del Consumo prevede comunque delle eccezioni al diritto di recesso. Per brevità si indicano tra esse solo alcune quali la fornitura di:
- beni o servizi il cui prezzo è legato a fluttuazioni nel mercato finanziario;
- beni confezionati su misura o chiaramente personalizzati;
- beni che rischiano di deteriorarsi o scadere rapidamente;
- beni sigillati che non possono essere restituiti per motivi igienici o connessi alla protezione della salute e sono stati aperti dopo la consegna (es. materassi, intimo);
- prodotti audio video e software informatici in confezioni sigillate, aperte dopo la consegna.

Le compravendite online tra privati.


A differenza di un acquisto su portale e-commerce (ad es.: Amazon, Aliexpress), per le compravendite online tra soggetti privati, ad esempio per gli acquisti su piattaforme che permettono l’accesso ad acquirenti e venditori occasionali come Subito.it, Kijiji, Ebay, si applica la ordinaria disciplina del codice civile sulla compravendita (art. 1490 cod. civ.) per la quale il venditore deve garantire che il bene venduto non abbia vizi che lo rendano inidoneo all'uso o che ne diminuiscano apprezzabilmente il valore.
Il vizio può essere un’imperfezione o una mancanza di qualità che incide sulla normale funzionalità, utilità e pregio.

Il compratore può tuttavia agire solo con riguardo ai vizi occulti, cioè quelli non visibili all'atto della vendita, non conosciuti né conoscibili con l'ordinaria diligenza.

In questi casi il compratore può scegliere tra:
- risoluzione del contratto e restituzione del prezzo;
- proporzionale riduzione del prezzo.

È fatto salvo il diritto al risarcimento del danno.

I tempi di decadenza e prescrizione sono molto brevi:una volta scoperti i vizi e/o difetti, il compratore deve denunciarli entro otto giorni. La denunzia non è necessaria se il venditore ha riconosciuto il vizio o lo ha occultato. L’azione in giudizio deve essere esercitata entro un anno dalla consegna, altrimenti il relativo diritto si prescrive.

In tutte queste situazioni, di acquisti online che hanno dato luogo a problemi di vario tipo, poter contare su una polizza di Tutela Legale è sicuramente un vantaggio. L’acquirente assicurato la può infatti impiegare per la tutela dei suoi diritti, soprattutto quando il venditore non vuole scendere a compromessi.



In collaborazione con:

Studio Legale Potenza
Avv. Pasquale Potenza
Galleria del Toro, 3
40121 Bologna – Italy


Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Werner Nicoll, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.