Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

09/03/2020

Nelle realtà condominiali le spese relative alla gestione delle parti comuni - prima di essere sostenute - devono essere di regola preventivamente approvate in sede di assemblea condominiale.

Cosa succede nel caso in cui un condomino esegua lavori sulle parti comuni senza l’approvazione dell’assemblea? Potrà avere il rimborso delle spese sostenute oppure dovrà tenerle interamente a proprio carico?

 

Per rispondere a tale domanda, è necessario verificare sia quanto stabilito dal codice civile che dalla giurisprudenza.

ARAG Tutela Legale Famiglia

La tua famiglia è la cosa più importante che hai: proteggila da ogni imprevisto.

Cosa dice il codice civile

Secondo l’art. 1134 del codice civile, il condomino che esegue o fa eseguire lavori sulle parti comuni senza l’approvazione dell’assemblea o la richiesta dell’amministratore, ed in assenza del requisito dell’urgenza, non avrà diritto al rimborso delle spese anticipate.

Solo laddove vi sia il carattere dell’urgenza, un singolo condomino potrà far eseguire un determinato lavoro su di una parte comune - anche senza il preventivo assenso dell’assemblea o la richiesta in tal senso dell’amministratore - anticipando le relative spese e chiedendo poi legittimamente il rimborso delle stesse, pro quota, agli altri condomini.

 

Cosa dice la giurisprudenza

Anche la giurisprudenza (Cassazione Civile n. 17027/2018), intervenuta sull’argomento, ha avuto modo di confermare che il condomino - al quale non deve essere riconosciuto il diritto al rimborso delle spese sostenute per la gestione delle parti comuni per carenza del presupposto dell'urgenza di cui all'art. 1134 c.c. - non può nemmeno adire le vie legali per ottenere un giusto indennizzo da parte degli altri condomini, per loro indebito arricchimento (in termini giuridici: il rimedio sussidiario dell'azione di arricchimento senza causa).

Tale azione non può essere messa in atto in quanto, nel caso in cui la spesa per far eseguire un lavoro su parti comuni - per quanto non urgente - sia comunque necessaria, il condomino interessato ha più di una possibilità perché la stessa venga sostenuta:

- ai sensi dell'art. 1133 del codice civile (e quindi con convocazione ed autorizzazione dell'assemblea)

oppure

- ai sensi degli artt. 1137 e 1105 (e quindi con ricorso ed autorizzazione dell'autorità giudiziaria).

Se il condomino procede senza seguire una di queste strade, non potrà poi - dopo essersi visto opporre un legittimo diniego al rimborso – promuovere un’azione legale nei confronti degli altri condomini.

 


Attenzione quindi, prima di far eseguire di proprio impulso un lavoro su di una parte comune del condominio, è importante che venga accertato il requisito dell’urgenza di tale opera.
In mancanza di questo requisito, non si potrà procedere se prima l’amministratore non ne abbia fatto apposita richiesta o se l’assemblea non abbia dato l’assenso all’esecuzione dei lavori.

 

Che servizi può offrirti ARAG?


Per difendere i tuoi diritti rivolgiti ad un esperto ARAG o per saperne di più e trovare l’offerta giusta per te, visita la pagina La Tutela legale ARAG.

In collaborazione con:

Studio Legale Spagnuoli
Piazza F. Guardi 11
20133 Milano


Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.

Contatti e servizi