Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

21/09/2020

All’interno del Decreto Legge Semplificazioni (D.Lgs.76/2020), convertito in legge con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n.228 del 14 settembre scorso, all’articolo 49 sono state inserite anche alcune modifiche al Codice della Strada che, per la loro portata, vanno a costituire una vera e propria “mini-riforma”.


Per quel che attiene alla circolazione delle biciclette, assistiamo alla creazione di un vero e proprio pacchetto a loro tutela. Altre novità hanno come denominatore comune quello di attribuire ai Comuni maggiore libertà nel gestire il traffico cittadino e riguardano ad esempio la nuova disciplina delle ZTL, il conferimento del potere di multa anche a netturbini e controllori degli autobus e nuove regolamentazioni degli autovelox.

ARAG Tutela Legale Circolazione

Non rinunciare a difendere i tuoi diritti.
In caso di incidenti o imprevisti in strada affidati ad ARAG.

 

Autovelox in città

Viene anzitutto concessa la possibilità di installare gli autovelox in città, fino ad oggi vietati sulle strade urbane e di quartiere.
Il Prefetto, per l’eventuale autorizzazione, valuterà le risultanze della Polizia stradale su incidentalità e caratteristiche della strada.

Con la riforma, dunque, le strade urbane vengono equiparate a tutte le altre.

Aree ZTL

In tema di zone a traffico limitato, vengono abrogate le norme (Dpr 250/1999) che obbligavano le amministrazioni a ottenere il permesso da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sul posizionamento delle telecamere per limitare gli accessi nei centri storici.

Da ora in poi i Comuni saranno quindi più liberi nell’istituire e gestire la Zona a traffico limitato (Ztl).

Biciclette

Con il Decreto Semplificazione viene introdotta nel CdS la “strada urbana ciclabile” a unica carreggiata e con apposita segnaletica verticale e orizzontale, dove chi guida dovrà dare sempre precedenza ai velocipedi. Un’altra novità riguarda la possibilità di creare delle “corsie ciclabili per doppio senso ciclabile” sulle strade cittadine dove il limite massimo di velocità sia inferiore o uguale a 30 km/h, sulla sinistra rispetto al senso di marcia e con andamento inverso rispetto alla via principale.

Viene data inoltre la possibilità ai Comuni di istituire delle “zone scolastiche urbane”, dove a certe ore del giorno (verosimilmente concomitanti con l’ingresso e l’uscita di scolari e studenti) venga vietata la circolazione delle auto e si permetta alle bici di utilizzare le corsie riservate ai mezzi pubblici.

Ausiliari della sosta, netturbini e dipendenti comunali

Gli ausiliari della sosta ottengono ora lo status di pubblico ufficiale e la conseguente possibilità di contestare le infrazioni, imporre le rimozioni e redigere i verbali sia nelle aree di sosta a pagamento che in quelle libere.

Anche i controllori degli autobus avranno il compito di regolare non solo la sosta e la fermata, ma anche la circolazione “sulle corsie e strade dove transitano i veicoli adibiti al servizio di linea”, esattamente come i “dipendenti delle aziende municipalizzate o delle imprese addette alla raccolta dei rifiuti urbani alla pulizia delle strade”, con la precisazione per cui le loro multe sono limitate alle violazioni “connesse all'espletamento delle predette attività”.

 

Facciamo attenzione quindi!

È importante rispettare i limiti di velocità, soprattutto nei centri abitati ma, se riteniamo di essere stati sanzionati ingiustamente, le recenti versioni della polizza ARAG Tutela Legale Circolazione prevedono anche l’opposizione alla contestazione del superamento dei limiti di velocità, con il rimborso delle spese legali e peritali in caso di accoglimento del ricorso.

Ma non solo, la polizza ARAG è una tutela che copre anche in sella alla bicicletta!

 

Che cosa ti offre ARAG?

 

Per saperne di più su come difendere i tuoi diritti e quelli dei tuoi famigliari, quando circolate in auto, in bicicletta o a piedi e per trovare l’offerta giusta per te, visita la paginaLa Tutela Legale per la circolazione stradale.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.