Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

07/09/2021

 

Per alcune persone acquistare un'auto usata è una necessità; per altre è un’occasione da cogliere quando ci sono degli specifici incentivi statali.

Se dopo la consegna l'auto ha un guasto o scopri dei difetti nascosti ti devi rivolgere, entro termini precisi, a chi ti ha venduto l'auto.

Scopri qui che rimedi hai a disposizione e come fare valere la garanzia.


ARAG Tutela Legale Famiglia

La tua famiglia è la cosa più importante che hai: proteggila da ogni imprevisto.

1. Cosa controllare prima dell'acquisto

Che l'auto abbia percorso pochi o molti chilometri non fidarti mai della classica frase “il veicolo è perfettamente funzionante, non servono controlli!".
É necessario invece che l'auto venga ispezionata da un meccanico esperto oppure da un perito.
Fare una visura per capire a chi appartiene effettivamente il veicolo e l’anno di immatricolazione è un altro passo da compiere.
Molto importante infine è che vi sia trasparenza sulla manutenzione eseguita negli anni (chiedi sempre il libretto dei tagliandi).

Come si fa una visura?

Ogni auto circolante nelle strade italiane è iscritta al PRA (Pubblico Registro Automobilistico).
Ci sono due modi per fare una visura:
- recarsi presso un ufficio provinciale ACI;
- oppure effettuare la richiesta tramite il sito internet dell’ACI.

Come si controlla la revisione?

Per vedere quando è stata fatta l'ultima revisione puoi collegarti al Portale dell'automobilista
La revisione va fatta, la prima volta, dopo 4 anni dall'immatricolazione del veicolo e ogni 2 anni dopo.

2. Compravendita tra privati: si applica il Codice Civile

La compravendita di auto usate tra privati è regolata dalle norme del Codice Civile (articolo 1490 e seguenti).
L'auto deve essere priva di vizi occulti e non devono esserti nascoste circostanze pregiudizievoli (per es. l'auto ha subito un incidente).

Denuncia dei vizi e garanzia

Chi acquista l'auto usata è tenuto:
- a denunciare l’esistenza dei vizi entro otto giorni dalla scoperta;
- ad agire in giudizio entro il termine di prescrizione di un anno dalla consegna dell'auto.

La durata della garanzia è pari a 12 mesi.

Rimedi: cosa può chiedere chi acquista?

Può chiedere in via alternativa:
• la riduzione del prezzo;
• oppure la risoluzione del contratto.

Inoltre chi acquista ha diritto al risarcimento dei danni subiti che devono essere provati.

3. Compravendita tra privato e concessionaria: si applica il Codice del Consumo

La compravendita in questo caso è disciplinata dal Codice del Consumo (articolo 130 e seguenti).

Se in qualità di consumatore riscontri una differenza tra le caratteristiche “dichiarate” e quelle reali dell'auto puoi denunciare i difetti di conformità alla concessionaria.
Per consumatore il Codice del Consumo intende la persona fisica che agisce per scopi estranei alla propria attività professionale (quindi sono esclusi sia le società sia i professionisti che acquistano tramite partita IVA).

Denuncia dei difetti e garanzia

Il privato-consumatore deve denunciare al venditore il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto.

La durata della garanzia di conformità è pari a 24 mesi.

Attenzione: la garanzia può essere ridotta a 12 mesi se chi acquista esprime il suo consenso prima della vendita.

Rimedi: cosa può chiedere il consumatore?

- la riparazione o la sostituzione con un veicolo analogo (la scelta tra queste due alternative è rimessa al cliente, salvo che il rimedio richiesto sia impossibile o eccessivamente oneroso per chi vende);
- la riduzione del prezzo o, in alternativa, la risoluzione del contratto (a questi due ultimi rimedi si ricorre se la riparazione o la sostituzione sono impossibili o troppo onerose oppure quando il venditore non ha riparato o sostituito il veicolo entro un termine congruo).

Può essere chiesto un risarcimento per eventuali danni subiti che vanno dimostrati.

Lo sai che gli incentivi auto 2021 riguardano anche le auto usate?

Si possono acquistare auto Euro 6 usate e di prima immatricolazione in Italia, appartenenti alla categoria M1, con incentivi da un minimo di euro 750 ad un massimo di Euro 2000 (meno sono le emissioni di CO2 dell’auto usata, maggiore è l’incentivo).

Per accedere all’incentivo si deve rottamare un veicolo della stessa categoria, pre Euro 6, immatricolato prima del 1° Gennaio 2011 o comunque da almeno 10 anni.
Gli incentivi per le auto usate sono destinati solo alle persone fisiche.


Per fare domanda occorre accedere alla piattaforma dell’Ecobonus auto (piattaforma che è in corso di aggiornamento).

Per ulteriori dettagli clicca qui.

 

Una curiosità: come puoi verificare la data di produzione dei pneumatici?

Nel fianco del pneumatico devi individuare la sigla DOT (Department Of Transportation) che è seguita da una serie di lettere e numeri.
Le ultime quattro cifre indicano la settimana e l’anno di produzione.

Che cosa ti può offrire ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale qualificato mediante servizi e informazioni sempre accessibili.

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per saperne di più visita la pagina La Tutela Legale per la Famiglia.

Messaggio promozionale prima della sottoscrizione leggere il set informativo.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.

Contatti e servizi