Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti

16/10/2017

Lo notiamo ogni giorno: sulle strade italiane circolano sempre più veicoli con targa straniera.

Ciò è dovuto non solo all’abbattimento delle frontiere in gran parte d’Europa e al conseguente aumento dei rapporti commerciali internazionali, ma anche ai tanti cittadini stranieri residenti in Italia che utilizzano quotidianamente veicoli immatricolati all’estero. Quella di trovarsi coinvolti in un incidente stradale con un veicolo immatricolato e assicurato all’estero è oggi un’ipotesi tutt’altro che infrequente.

Cosa fare in questo caso?

Niente panico! Non saremo costretti a chiedere il risarcimento del danno alla compagnia bulgara scrivendo in cirillico!

La legge stabilisce infatti una procedura semplificata, in base alla quale il risarcimento del danno subìto va richiesto ad un ente nazionale, l’Ufficio Centrale Italiano (UCI). A tale ente è affidata la gestione delle procedure relative al risarcimento dei danni causati sul territorio italiano da veicoli immatricolati o registrati negli stati esteri aderenti al sistema della Carta Verde.

Per attivare L’UCI è sufficiente inviare una richiesta di risarcimento tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento presso la sede di Milano in Corso Sempione 39 o a mezzo di posta elettronica certificata all’indirizzo uci@pec.ucimi.it

La richiesta deve obbligatoriamente specificare:

i dati del richiedente
la data e il luogo dell’incidente
la descrizione della dinamica dell’incidente
la nazionalità e la targa del veicolo estero
la marca e il modello del veicolo estero
gli estremi dell’autorità eventualmente intervenuta
Inoltre, qualora sia stata redatta, dovrà essere allegata copia della constatazione amichevole d’incidente (modulo CID).

Per una più rapida evasione della richiesta si rivela utile fornire anche:

nome della compagnia di assicurazione del veicolo estero
generalità del proprietario e del conducente del veicolo estero
copia della Carta Verde del veicolo estero
copia dei documenti eventualmente forniti dal conducente estero
Attenzione! Quando il veicolo estero è un autoarticolato, le informazioni devono essere riferite alla motrice.

Alla ricezione della richiesta di risarcimento, un altro soggetto entra in gioco: la trattazione della procedura di liquidazione viene affidata dall’UCI ad una Compagnia di assicurazioni italiana che rappresenta sul nostro territorio la compagnia che assicura il mezzo immatricolato all’estero. Sarà questa compagnia a disporre la perizia per la valutazione del danno, valutare la responsabilità e formulare l’offerta di risarcimento o motivare il diniego.

Tuttavia, se la trattativa stragiudiziale (compreso il procedimento di negoziazione assistita) non dovesse andare a buon fine e fosse necessario iniziare un giudizio, davanti al giudice dovremo portare l’Ufficio Centrale Italiano e non la compagnia delegataria.

E se il veicolo non fosse assicurato?

In questo caso l’UCI lo comunicherà e la domanda andrà rivolta al Fondo di Garanzia Vittime della Strada tramite richiesta alla Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici), con sede a Roma (www.consap.it), che a sua volta nominerà una compagnia per la trattazione.

Se il veicolo straniero non fosse identificato, ad esempio nel caso di fuga, il Fondo interverrà per il solo risarcimento delle lesioni fisiche e non per i danni materiali, a meno che non vi siano lesioni personali gravi. In quest’ultimo caso, oltre alle lesioni personali gravi verranno risarciti anche i danni materiali, applicando però una franchigia.

Come fare la richiesta di risarcimento?

Compilando il modello presente sul sito web dell’UCI http://www.ucimi.it/it_IT/sinistri/incidenti-in-italia-con-veicoli-esteri/



Anche in questa situazione essere assicurati con una polizza di Tutela Legale ARAG diventa quasi indispensabile! Sarà infatti la compagnia stessa ad attivare i legali e i periti per far si che l’attività di recupero danni vi faccia ottenere tutto ciò che vi spetta, fino all’ultimo euro.

Chi possiede la polizza ARAG Circolazione Protetta ha una doppia ciambella di salvataggio: difende i propri diritti e non paga le spese legali.



Si avverte che questo testo ha carattere meramente informativo e non può sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Werner Nicoll, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.