Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

30/03/2021

 

Il Superbonus 110% è una misura di incentivazione introdotta dal D.L. “Rilancio” 19 maggio 2020, n. 34.

Grazie al Superbonus gli interventi di efficientamento energetico (per esempio cappotto termico e sostituzione della caldaia) e di messa in sicurezza antisismica degli edifici godono di un’aliquota di detrazione pari al 110% del costo degli interventi effettuati.
Questa aliquota si applica alle spese sostenute dal primo luglio 2020 al 30 giugno 2022 (la legge di bilancio 2021 ha prorogato il Superbonus al 30 giugno 2022).

Gli interventi agevolabili si distinguono in:
- interventi principali o trainanti, che sono necessari ed indispensabili per ottenere il beneficio fiscale;
- interventi aggiuntivi o trainati, che beneficiano della detrazione solo se compiuti in abbinamento agli interventi trainanti.

ARAG Tutela Legale Associazioni

Nessuna preoccupazione per la tua associazione: a proteggerla ci pensiamo noi!

I soggetti beneficiari potranno scegliere:

- se utilizzare la detrazione spettante in cinque quote annuali di pari importo (quattro quote annuali per le spese sostenute nel 2022)
- oppure se optare per un contributo anticipato sotto forma di sconto praticato dai fornitori dei beni
- oppure per la cessione di un credito d'imposta, corrispondente alla detrazione spettante, ad altri soggetti ivi inclusi gli istituti di credito.

Per capire come funziona il complesso meccanismo del Superbonus occorre rivolgersi a professionisti competenti.

 

Quali soggetti possono beneficiare della detrazione al 110%?

- i condomìni
- le persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni
- gli istituti autonomi case popolari (Iacp) comunque denominati o altri enti che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di "in house providing"
- le cooperative di abitazione a proprietà indivisa
- le Onlus, associazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale
- le associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

La documentazione necessaria

Documentazione tecnica

Una copia dell' asseverazione, redatta dal tecnico abilitato, va trasmessa esclusivamente per via telematica all' ENEA (l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile).

I seguenti allegati sono obbligatori:

APE (attestato di prestazione energetica) prima degli interventi
APE (attestato di prestazione energetica) dopo gli interventi
Polizza assicurativa con massimale adeguato
Fatture delle spese sostenute
Computo metrico

Il ruolo del tecnico è fondamentale: il medesimo certifica che gli interventi siano conformi ai requisiti tecnici richiesti e che vi sia una congruità delle spese sostenute con riguardo agli interventi eseguiti.

Documentazione amministrativa

I soggetti beneficiari devono conservare:

- Titolo edilizio, ove richiesto, in relazione alla tipologia di lavori da realizzare (SCIA, CILA ecc.)
- Delibera assembleare di approvazione dei lavori e tabella millesimale, nel caso di interventi sulle parti comuni di un condominio
- Fatture relative alle spese sostenute ovvero certificazione delle somme corrisposte dal condòmini per gli interventi sulle parti comuni
- Copia dei bonifici bancari o postali
- Stampa della e-mail ricevuta dall’ENEA contenente il codice ASID che rappresenta la ricevuta che l’asseverazione è stata trasmessa

Documentazione in caso di cessione del credito o sconto in fattura

È necessario richiedere il cosiddetto visto di conformità (art.119, comma 11, Decreto Legge 34/2020) dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d'imposta.
Il visto di conformità è rilasciato dai soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni (dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro) e dai responsabili dell' assistenza fiscale dei CAF.

Dati Superbonus elaborati da Enea fino a marzo 2021

Malgrado la complessità del sistema complessivo il Superbonus è partito.

Dal monitoraggio di Enea si desumono dati incoraggianti.
A metà marzo 2021 sono circa 7000 gli interventi registrati con ASID (la ricevuta di trasmissione dell' asseverazione valida) e risultano realizzati lavori per circa 509 milioni di euro.

Chi ha avviato finora la pratica del Superbonus?
Soprattutto le persone fisiche ma anche, seppur in misura minore, onlus e associazioni sportive.

Enti no profit: che tipo di interventi possono realizzare?

Interventi trainanti

Gli enti no profit possono fare uno dei seguenti interventi trainanti:

1) isolamento termico delle superfici che interessano l'involucro degli edifici
2) sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti
3) interventi antisismici.

Interventi trainati

Come interventi trainati è possibile realizzare:

1) Interventi di efficientamento energetico
2) Installazione di impianti solari fotovoltaici
3) Interventi finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche, per favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione alle persone portatrici di handicap in situazione di gravità
4) Installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.

Il Superbonus spetta per gli interventi trainati a condizione che vengano eseguiti congiuntamente con almeno uno degli interventi trainanti.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.