[an error occurred while processing this directive] Ponteggi edili e furti in casa singola o in condominio Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

03.02.2022

Con l’aumento dei cantieri legati alle varie agevolazioni fiscali sulla casa (superbonus, ecobonus, sismabonus, ecc.), occorre fare ancora più attenzione ai furti che, in presenza di ponteggi nelle abitazioni singole o nei condomini, possono essere più facili da realizzare.

Chi risarcisce i danni in caso di furto agevolato dal ponteggio?

Che cautele deve adottare l’impresa a cui è stato dato l’appalto per i lavori?





ARAG Tutela Legale Famiglia #Next!

La tua famiglia è la cosa più importante che hai: proteggila da ogni imprevisto.

Cosa può accadere

Durante lo svolgimento di lavori edili ignoti si possono introdurre in un immobile unifamiliare o all'interno di uno degli appartamenti di un edificio condominiale, magari saltando su un balcone che viene raggiunto, con facilità, attraverso l'impalcatura montata per l'esecuzione delle opere convenute.

Il furto agevolato dai ponteggi: la responsabilità dell’impresa a cui viene dato l’appalto

L'autonomia dell'appaltatore implica che, di regola, egli deve ritenersi unico responsabile dei vari danni derivati a terzi dall'esecuzione dell'opera.

Quindi se viene provato che l’impresa ha, in modo colposo, reso più facile l’accesso (per esempio, non togliendo la scaletta di collegamento tra i vari piani della impalcatura), il committente potrà chiedere il risarcimento dei danni da furto all’impresa (art. 2043 del Codice Civile).

Ci sono dei casi in cui può essere considerato corresponsabile il committente? Si, ci sono.

Per esempio quando chi ha commissionato i lavori viola le regole di cautela (per es. una finestra viene lasciata aperta) oppure affida le opere ad un'impresa assolutamente inidonea (in questo caso l’evento potrebbe essere attribuito al committente per una presunta culpa in eligendo).

Responsabilità sia dell’impresa sia del condominio

In caso di ponteggi condominiali, per identificare chi è responsabile del furto, si indaga sia sul comportamento dell’impresa sia su quello del condominio.

Del danno patito da una persona il cui appartamento viene svaligiato da ladri, che usano dei ponteggi privi sia di illuminazione che di misure di sicurezza, possono essere chiamati a rispondere sia l'impresa che ha messo i ponteggi, sia il condominio (sentenza Cassazione civile 17 marzo 2009, n. 6435 e da ultimo vedi anche ordinanza Cassazione civile - 27/12/2021, n. 41542).

Perché?

Perché l’impresa, se non adotta le misure di sicurezza necessarie ad evitare il danno, ingenera una situazione di rischio.

Il condominio, a sua volta, è responsabile quale custode del fabbricato (art. 2051 del Codice Civile) o per culpa in vigilando o in eligendo, se risulta che ha omesso di sorvegliare l'operato dell'impresa ovvero ne ha scelto una manifestamente inadeguata per l'esecuzione dell'opera.


Come si valutano i fatti?

È molto importante ricostruire le modalità di accesso all'appartamento, l’eventuale assenza di sistemi di allarme e di illuminazione sulle impalcature, la presenza o meno di porta blindata nell'appartamento, ecc. .

Le imprese, per non incorrere in responsabilità, devono fare in modo che le impalcature siano illuminate e che non siano usate in modo anomalo.

Il condominio, a sua volta, deve non solo fare inserire nel contratto di appalto clausole che impongono all’impresa di adottare tutte le misure di prevenzione necessarie, ma anche farsi parte attiva affinché quelle clausole siano rispettate.

A vigilare sull'operato dell'impresa ci pensa l'amministratore.

Perché, se avviene un furto di questo tipo, è utile avere una polizza di Tutela Legale?

Perché il nostro team può fornire subito una consulenza su come comportarsi al fine di difendere i propri interessi.

Inoltre in caso di dubbi giuridici sul Superbonus 110% possiamo aiutarti a comprendere il quadro normativo e cosa rischia il committente. Leggi qui.

I contenuti di cui sopra hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne può essere fatto.

Che cosa ti può offrire ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale qualificato in tante situazioni della vita quotidiana (per esempio quando devi chiedere un risarcimento per danni subiti in un sinistro stradale, se hai una lite con il vicino oppure se hai un problema con una compagnia telefonica).

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per saperne di più visita la pagina La Tutela Legale per la Famiglia.

Messaggio promozionale prima della sottoscrizione leggere il set informativo.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.

Contatti e servizi