Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

10/11/2021

La legge 156/2021 prevede delle nuove norme nel Codice della Strada.

L’annunciata stretta sui monopattini c'è stata, ma solo in parte: nuovi limiti entrano in vigore ma non è stato introdotto un obbligo generalizzato del casco e di targa (di cui pure si parlava insieme con quello di assicurazione in tutti i casi di uso di un monopattino).

Le altre principali novità riguardano gli attraversamenti pedonali, i fogli rosa, i neopatentati e la guida senza casco.

Qui di seguito una breve guida per orientarsi velocemente.

ARAG Tutela Legale Circolazione

Non rinunciare a difendere i tuoi diritti.
In caso di incidenti o imprevisti in strada affidati ad ARAG.

 

1. Monopattini: regole più rigorose

Ecco le novità:

- i monopattini devono avere frecce, luci di posizione, segnale acustico e di stop, nonché freni su entrambe le ruote (quelli già in circolazione dovranno essere adeguati entro il 1° gennaio 2024);
- per i monopattini che vengono presi a noleggio è obbligatoria l'assicurazione;
- il limite di velocità scende da 25 a 20 km/h e rimane il limite di 6 km/h nelle aree pedonali;
- non si può circolare con i monopattini sui marciapiedi;
- è stato espressamente sancito il divieto di sosta sui marciapiedi; i monopattini possono essere parcheggiati solo nelle aree dedicate oppure negli stalli per biciclette e moto.

2. Attraversamenti pedonali: pedoni più tutelati

 

In corrispondenza dei passaggi pedonali, i veicoli devono dare la precedenza non solo ai pedoni che hanno già iniziato ad attraversare la strada ma anche a quelli che si stanno accingendo a farlo.

Prima, se i pedoni si accingevano ad attraversare, era obbligatorio fermarsi solo «all’occorrenza».

3. Foglio rosa: vale 1 anno

La validità del foglio rosa viene estesa ad 1 anno (prima la validità era pari a 6 mesi).

Durante la validità del foglio rosa, e dopo il superamento dell’esame teorico, si può sostenere fino a 3 volte l’esame pratico di guida per ottenere la patente.

4. Neopatentati

 

Novità anche per i neopatentati con patente B.
Possono guidare automobili di potenza superiore a 55 kW/t se al loro fianco è presente una persona che:
- ha la patente B da più di dieci anni (con patente di categoria superiore non esiste questo vincolo);
- ha un'età non superiore a 65 anni.

5. Parcheggi rosa

 

Donne incinte e genitori di bambini fino a due anni di età devono essere muniti di apposito contrassegno per parcheggiare negli spazi loro riservati.

6. Casco: attenzione a chi sale con te in moto o motorino

È stata introdotta, per i conducenti di ciclomotori e motocicli, la responsabilità in caso di mancato utilizzo del casco da parte di un eventuale trasportato di qualunque età.

7. Divieto di sosta nelle aree riservate alle persone disabili: multe più alte

Raddoppiano le multe e viene triplicata la sottrazione dei punti patente (fino a 6) per chi parcheggia nelle aree riservate alle persone disabili.

8. Strisce blu e persone disabili

Le persone disabili (se munite del consueto contrassegno) possono sostare gratis sulle strisce blu o negli altri spazi a pagamento.
Ma solo se sono già «occupati o indisponibili» gli spazi loro normalmente riservati.

9. Notebook e tablet: no mentre si guida

Notebook e tablet sono a tutti gli effetti equiparati agli smartphone e pertanto le sanzioni per chi li usa alla guida saranno le medesime.

Nell'articolo 173 del Codice della strada si legge ora che il divieto di utilizzo con le mani non riguarda solo gli «apparecchi radiotelefonici», ma anche «smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento della mani dal volante».

10. Ricarica dei veicoli elettrici

Vengono distinti gli spazi di sosta per i veicoli elettrici da quelli destinati alla ricarica dei medesimi veicoli.

Nei primi la sosta è consentita ai soli veicoli elettrici, mentre gli altri, non elettrici, rischiano una multa.
Negli spazi per la ricarica, chi protrae la sosta per più di un’ora dal completamento della ricarica viene punito come se avesse un veicolo non elettrico.

Che cosa copre una polizza di Tutela Legale ARAG?

La polizza di Tutela Legale ARAG copre le spese dell’avvocato e del perito e dà un supporto legale qualificato non solo se devi fare una richiesta di risarcimento dei danni subiti in un incidente stradale, ma anche se hai dubbi circa le regole del Codice della Strada.

Il nostro obiettivo è fare in modo che i clienti ARAG sappiano sempre cosa fare e a chi rivolgersi, anche solo se hanno un dubbio o una curiosità.

Per saperne di più visita la pagina La Tutela Legale per la Circolazione.

Messaggio promozionale prima della sottoscrizione leggere il set informativo.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.