Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

06/02/2020

Per chi trasporta bambini di età inferiore ai quattro anni, è obbligatorio utilizzare dispositivi antiabbandono per i seggiolini da auto: dal 6 marzo scattano le multe per chi viene trovato inadempiente.


Il comma 1-bis dell’articolo 172 del Codice della Strada ha imposto l’obbligo di utilizzare un apposito dispositivo di allarme volto a prevenire l'abbandono del bambino sul seggiolino; il dispositivo “antiabbandono” deve rispondere a determinate specifiche tecnico-costruttive e funzionali:
- deve segnalare l’abbandono di un bambino di eta’ inferiore a 4 anni, sul veicolo sul quale e’ trasportato, da parte del conducente del veicolo stesso mediante l’attivazione di un segnale;
- deve essere in grado di attivarsi automaticamente ad ogni utilizzo, senza ulteriori azioni da parte del conducente;
- deve dare un segnale di conferma al conducente nel momento dell’avvenuta attivazione;
- nel caso in cui il dispositivo rilevi la necessita’ di dare un segnale di allarme, quest’ultimo deve essere in grado di attirare l’attenzione del conducente tempestivamente attraverso appositi segnali visivi e acustici o visivi e aptici, percepibili all’interno o all’esterno del veicolo;
- deve essere in grado di attivare il sistema di comunicazione;
- se alimentato da batteria, il dispositivo deve essere in grado di segnalare al conducente livelli bassi di carica rimanente;
- può essere dotato di un sistema di comunicazione automatico per l’invio, per mezzo delle reti di comunicazione mobile senza fili, di messaggi o chiamate.

ARAG Tutela Legale Circolazione

Non rinunciare a difendere i tuoi diritti. In caso di incidenti o imprevisti in strada affidati ad ARAG.

L'entrata in vigore della nuova norma e le sanzioni in caso di inosservanza

 

La modifica dell’art. 172 CdS è stata effettuata con la legge 1° ottobre 2018, n. 117 (Gazz. Uff., 12 ottobre 2018, n. 238).

Il decreto attuativo (che descrive e prescrive le caratteristiche dei dispositivi antiabbandono) è entrato in vigore a fine ottobre 2019 e prevedeva l'obbligo di dotarsi di tali dispositivi a partire dal 7 novembre.

 

Se da una parte la data del 7 novembre 2019, riportata da diversi organi di stampa sanciva l’obbligo di dotarsi del dispositivo, dall'altra non si potevano elevare sanzioni in caso di mancato utilizzo di tali sistemi antiabbandono, fino a marzo 2020; questo è il lasso di tempo emerso da quanto il Ministero dei Trasporti aveva riportato in una sua circolare.

 

Per chi fosse stato multato in questo lasso di tempo, il Ministero aveva precisato «la norma prevederà l'inefficacia dei verbali elevati tra la data di entrata in vigore del decreto ministeriale e la data di entrata in vigore della legge di conversione», rendendo così nulle le sanzioni comminate agli automobilisti che utilizzavano seggiolini fuori norma.

Per trovare una soluzione alla confusione normativa che si era creata, Governo e maggioranza hanno quindi utilizzato il veicolo del decreto fiscale (Dl 124/2019 - Art. 52), facendo decorrere l'obbligo di utilizzare i dispositivi antiabbandono in auto per i bambini sotto i 4 anni dal 6 marzo 2020:

Le sanzioni per la violazione dell'obbligo di cui all'articolo 172, comma 1-bis, del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, introdotto dal comma 1 del presente articolo, si applicano a decorrere dal 6 marzo 2020

 

Le sanzioni previste

Gli automobilisti che non fanno uso dei dispositivi antiabbandono vanno incontro a una sanzione pecuniaria da 81 a 326 euro, proprio come succede in caso di mancato uso delle cinture di sicurezza. Inoltre, in caso di recidiva nell'arco di due anni, si verifica anche la sospensione della patente da 15 giorni a due mesi.

 
 

L'argomento è molto attuale e chi non l'avesse già fatto è il caso che provveda quanto prima, facendo attenzione alle caratteristiche del dispositivo che si acquista e tenendo presente che, per l'acquisto dei dispositivi è possibile ottenere un bonus di 30 euro stanziato dal Ministero dei Trasporti.

 

Ecco come chiedere il bonus per l'acquisto del seggiolino


Prima operazione registrarsi sulla piattaforma
Per ottenere il bonus sarà necessario registrarsi a partire del 20 febbraio sulla piattaforma informatica Sogei accessibile su www.sogei.it o su www.mit.gov.it.

Un buono spesa elettronico
Il contributo sarà erogato mediante il rilascio di un buono spesa elettronico di 30 euro valido per l’acquisto di un dispositivo antiabbandono per ogni bambino di età inferiore ai quattro anni.

Spetta anche a chi lo ha acquistato
Anche chi ha già acquistato il seggiolino avrà diritto al rimborso: per averlo bisognerà farne richiesta registrandosi sulla piattaforma Sogei entro sessanta giorni dal 20 febbraio, allegando copia del giustificativo di spesa. Ovviamente il dispositivo acquistato dovrà essere in linea con le indicazioni tecniche approvate.

 
 

Che cosa ti offre ARAG?

Per saperne di più su come difendere i tuoi diritti e per e trovare l’offerta giusta per te, visita questa pagina.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.