Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

20/11/2019

Quando scatterà effettivamente l’obbligo di utilizzare i dispositivi antiabbandono per i seggiolini da auto per bambini con età inferiore ai quattro anni?



Il nuovo comma 1-bis dell’articolo 172 del Codice della Strada impone l’obbligo di utilizzare un apposito dispositivo di allarme volto a prevenire l'abbandono del bambino sul seggiolino; il dispositivo “antiabbandono” deve rispondere alle specifiche tecnico-costruttive e funzionali stabilite con decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

ARAG Tutela Legale Circolazione

Non rinunciare a difendere i tuoi diritti. In caso di incidenti o imprevisti in strada affidati ad ARAG.

Cerchiamo di fare ordine sui tempi di entrata in vigore della nuova norma e delle sanzioni in caso di inosservanza

La modifica dell’art. 172 CdS è stata effettuata con la legge 1° ottobre 2018, n. 117 (Gazz. Uff., 12 ottobre 2018, n. 238), la quale aveva disposto che l’entrata in vigore del nuovo obbligo sarebbe dovuta avvenire decorsi centoventi giorni dalla data di entrata in vigore del decreto attuativo e comunque non oltre il 1° luglio 2019.

E' successo che dopo il 1° luglio il decreto attuativo non fosse ancora pronto…

Quindi il decreto attuativo (che descrive e prescrive le caratteristiche dei dispositivi antiabbandono) è entrato in vigore o no? E quando?

 
  • Il decreto attuativo è entrato in vigore a fine ottobre 2019 e prevedeva l'obbligo di dotarsi di tali dispositivi a partire dal 7 novembre.

  • Purtroppo non è stato previsto un periodo transitorio affinchè chi intendesse produrre detti dispositivi potesse farlo secondo quanto stabilito nel decreto attuativo, e chi li intendesse acquistare sapesse cosa acquistare.

 
 

Ora, la data del 7 novembre 2019, riportata da diversi organi di stampa negli scorsi giorni quale data di entrata in vigore dell’obbligo e delle relative sanzioni è vera solo in parte.

In sostanza, l’obbligo c’è, ma non possono essere elevate sanzioni in caso di mancato utilizzo di sistemi antiabbandono almeno fino a marzo 2020; questo è il lasso di tempo che emerge da quanto il Ministero dei Trasporti ha riportato in una sua recente circolare.

 

Cosa succede a chi è già stato multato?

Tecnicamente, precisa il Ministero, «la norma prevederà l'inefficacia dei verbali elevati tra la data di entrata in vigore del decreto ministeriale e la data di entrata in vigore della legge di conversione». Verranno così annullate le multe finora comminate ai conducenti di automobili trovati sprovvisti di dispositivo anti-abbandono quando trasportavano bambini di età inferiore ai quattro anni.

 

L'argomento è molto attuale ed in continua evoluzione.
Il consiglio che possiamo dare agli utenti è quello di non farsi prendere dal panico, ma di provvedere quanto prima, quindi di fare attenzione alle caratteristiche del dispositivo che si acquista e di tenere presente che, ad oggi, eventuali sanzioni sono impugnabili.

 

Che cosa ti offre ARAG?

Per saperne di più su come difendere i tuoi diritti e per e trovare l’offerta giusta per te, visita questa pagina.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Gerd Peskes. Consiglio di Gestione: Dr. Paul-Otto Faßbender (Pres.), Dr. Renko Dirksen, Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze.