Vai al contenuto Vai alla ricerca Vai al contatti Vai alla mappa del sito

09/12/2020



I ricatti realizzati tramite il web sono un fenomeno in costante crescita.
Un esempio tipico sono le e-mail inviate da astuti cybercriminali che informano gli utenti dell’ avvenuto hackeraggio del proprio sistema operativo e/o dell’account di posta elettronica.

Lo scopo è estorcere alle vittime un importo in moneta digitale, la cosiddetta criptovaluta, il cui pagamento potrebbe essere non più rintracciabile.

Hai ricevuto una email sospetta? Ecco cosa fare per non cadere in trappola.

ARAG Tutela Legale Famiglia

La tua famiglia è la cosa più importante che hai: proteggila da ogni imprevisto.

Come viene scritta la email: elementi a cui prestare attenzione

Innanzitutto, se ricevi una e-mail in cui, ad esempio, viene detto che sei stato “scoperto” a visitare siti pornografici, il primo consiglio è di non aprirla perché certamente si tratta di una truffa.
La Polizia Postale ha dedicato a questo fenomeno un pool investigativo e da alcuni anni rileva una sempre più agguerrita attività di spamming a scopo estorsivo.

Nell’e-mail solitamente i cybercriminali comunicano all’utente di averlo colto in flagrante mentre visitava un sito porno; di aver scaricato tutte le informazioni riservate sul suo conto (cronologia dei siti web visitati, elenco dei contatti, e-mail inviate e ricevute, ecc.); di aver installato un virus sul computer tramite il quale avrebbero accesso alla webcam riuscendo addirittura a filmarlo in atti intimi e della vita quotidiana.
Da qui la minaccia di rendere pubblici, a tutti i contatti dell’utente - e quindi ad amici, parenti e colleghi di lavoro - la tipologia dei siti visitati nonché un fantomatico video dai contenuti osceni, intimi e imbarazzanti.

La e-mail dunque potrebbe essere così scritta: “Ho violato il tuo computer, ti ho scoperto mentre andavi su siti pornografici ed ora voglio dei soldi per non renderlo noto a tutti. Paga entro 48 ore!”.

Si aggiungono poi altre affermazioni, più o meno minacciose, per spiegare che tutto è stato tracciato.
Di solito inoltre queste e-mail sono scritte in un italiano stentato e le presunte prove del video non vengono allegate.

La Polizia Postale ha avuto modo di spiegare come sia tecnicamente impossibile installare un virus in grado di assumere il controllo del nostro dispositivo, addirittura attivando la webcam o rubando i nostri dati, anche nel caso in cui un soggetto sia entrato abusivamente nella nostra casella di posta elettronica.

Si tratta in sostanza di un’invenzione dell’autore del reato elaborata con il solo intento di gettare nel panico il destinatario dell’e-mail ed indurlo a pagare una somma illecita.

 
 

Arriva nella tua casella di posta una email ricattatoria: 5 consigli pratici

Mantieni la calma

Il criminale non dispone infatti di alcun filmato che ti ritrae in atteggiamenti intimi né – probabilmente – delle password dei tuoi profili social da cui ricavare la lista dei tuoi amici o parenti.

Non pagare alcun riscatto

Pagare la somma richiesta in modo illegittimo porterebbe semplicemente a ricevere altre minacce e richieste di denaro.

Proteggi in modo adeguato la tua e-mail

E' innanzitutto opportuno cambiare la password della casella di posta elettronica scegliendone una complessa e ponendo attenzione a che sia differente rispetto a quella utilizzata per accedere ad altri profili social sul web (Facebook, Twitter, Instagram, ecc).

Proteggi tutti i tuoi account

E' inoltre conveniente abilitare anche la cosiddetta autenticazione “forte” a due fattori che prevede, oltre all’inserimento della password, anche l’immissione di un codice di sicurezza che viene inviato al tuo cellulare.
E' bene seguire questo consiglio per tutti i tuoi account virtuali.

Non lasciare mai i tuoi dispositivi incustoditi

Il reale “contagio” da parte di un virus informatico, in grado di assumere il controllo dei nostri dispositivi, può verificarsi solo se i cybercriminali hanno avuto la materiale disponibilità del dispositivo oppure se sono riusciti a realizzare il cosiddetto “phishing informatico”.
Attenzione dunque a non lasciare mai incustoditi e non protetti i tuoi dispositivi e anche a non cliccare su link o allegati di posta elettronica sospetti.

 

Che cosa ti offre ARAG?

Per saperne di più su come difendere i tuoi diritti e per e trovare l’offerta giusta per te, visita questa pagina.

In collaborazione con:

Studio Legale Spagnuoli
Piazza F. Guardi 11
20133 Milano


Si avverte che i contenuti hanno carattere meramente informativo e non possono sostituirsi ad una consulenza da parte di un professionista qualificato sul caso specifico. In nessun caso la compagnia può essere ritenuta responsabile dell’utilizzo che ne possa essere fatto.

Potrebbero interessarti anche...

ARAG SE Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Viale del Commercio, 59 , 37135 Verona P.I. 04167600230 - C.F. e n. R.I. Verona 93238290238 - REA n. VR - 394658. Iscritta in data 20/08/2012 all'Albo Imprese di Assicurazione IVASS, Elenco I, n. I.00108 (Imprese comunitarie autorizzate ad operare in regime di stabilimento). Rappresentante Generale e Direttore Generale per l'Italia: Andrea Andreta. Tel.: 045 8290411 - Fax: 045 8290449 - e-mail: arag@arag.it - pec: arag@pec.arag.it web: www.arag.it

ARAG SE - Societas Europaea - sede legale D - 40472 Düsseldorf (Germania), ARAG Platz 1 Capitale sociale Euro 100.000.000. Iscritta nel Registro del Tribunale di Düsseldorf al n. HRB 66846 - Soggetta al controllo della Autorità di vigilanza tedesca Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin: www.bafin.de). Presidente del Consiglio di Sorveglianza: Dr. Paul-Otto Faßbender. Consiglio di Gestione: Dr. Renko Dirksen (Speaker of the management Board), Dr. Matthias Maslaton, Wolfgang Mathmann, Hanno Petersen, Dr. Joerg Schwarze, Dr. Werenfried Wendler.